Cristoforo Colombo e l’alleato “meteo”

Il tempo meteorologico è stato per il grande navigatore genovese un prezioso alleato. Tutti noi sappiamo che lo scopo di Colombo era quello di raggiungere le “Indie” navigando verso ovest, sfruttando la sfericità della Terra.

La perspicacia del navigatore italiano era davvero notevole, egli non poteva sapere, però, che in mezzo ci fosse il continente americano; senza questo le caravelle della spedizione spagnole sarebbero davvero potute giungere sino in Cina, attraversando idealmente il Pacifico (venti, cibo e malattie permettendo). Le stime della lunghezza del tragitto fatte da Colombo erano però inferiori rispetto alla reale distanza; comunque senza le Americhe tra “i piedi” le navi ce l’avrebbero potuta fare, considerando anche l’assenza di pirati e vari assaltatori di navi (che sarebbero arrivati nei decenni avvenire).

Un viaggio storico

La spedizione di Colombo partì da Palos, in Spagna, il 3 agosto 1492; le tre navi che la componevano erano la Niña, la Pinta e la Santa Maria. I vascelli fecero una prima tappa alle Canarie, un arcipelago spagnolo al largo delle coste nordafricane; l’arrivo a Gran Canaria avvenne l’11 agosto e la spedizione decise di rimanervi un mese, per fare le riparazioni necessarie prima della traversata.


La Niña, la Pinta e la Santa Maria.

Il 6 settembre le navi guidate da Colombo ripartirono e fecero una brevissima sosta all’isola della Gomera, per rifornirsi di acqua e viveri (la Pinta aveva subito un’avaria grave al timone). Dopo 36 giorni di desolazione sul grande oceano Atlantico, la spedizione raggiunse una piccola isola delle Bahamas, approdando nel Nuovo Mondo: era il 12 ottobre 1492 e la storia dell’umanità sarebbe cambiata radicalmente da quel momento in poi. Cristoforo Colombo battezzò l’isola “San Salvador”. Tutti i dettagli della spedizione in mare sono giunti a noi attraverso i diari dello stesso Colombo e dei piloti delle tre caravelle.

I diari di Colombo sono una fonte preziosa

La traversata non ebbe particolari note negative, anzi, fu abbastanza tranquilla: i venti non soffiarono mai troppo forte, il mare non fu mai troppo mosso e le correnti favorirono in larga parte la navigazione verso i settori occidentali.

Le linee rappresentano i quattro viaggi di Colombo.

Eppure è ormai ben noto che le rotte che dall’Europa portano in Nord America, nei mesi autunnali sono oggi, come anche allora, irte di pericoli: ogni anno una decina tra uragani e cicloni tropicali si formano al largo delle coste africane occidentali, per attraversare l’Atlantico centrale, acquisendo potenza, per arrivare lungo le coste americane dove portano morte e devastazione. Tutto ciò anche grazie ai potenti venti Alisei.

Le conseguenze di un uragano o di un ciclone tropicale sono sconvolgenti: onde di vari metri, venti di eccezionale forza e pioggia torrenziale. Insomma condizioni meteo marine davvero pericolose. Immaginate cosa sarebbe successo se Colombo avesse incontrato queste condizioni nella sua prima traversata, magari le cose non sarebbero andate come le conosciamo dai libri di storia.

Fortuna o saggezza?

Anche considerando il fatto che il numero medio di tempeste tropicali che ogni anno raggiungono i Caraibi sia aumentato negli ultimi secoli, si può affermare che la spedizione del navigatore genovese sia stata a dir poco fortunata. Ma si tratta solo di pura fortuna o Colombo era un abile marinaio, attento ai segni del tempo?

Alcuni “celebri” uragani che hanno devastato i Caraibi, da notare i mesi e i giorni.

Seguirono altre traversate da e verso l’Europa, tutte con esito positivo. Eccetto una: il quarto viaggio di ritorno. Nei pressi di Haiti gran parte della flotta spagnola fu distrutta da una tempesta tropicale. Stando a un compagno di viaggio di Colombo, questi consigliava di ritardare la partenza proprio per motivi meteorologici.

Esaminando la prima traversata di Colombo si intuiscono alcune sue abilità. Il genovese doveva infatti essere a conoscenza degli Alisei a latitudini medio basse, che lo avrebbero spinto verso ovest, e probabilmente sapeva che a latitudini medio alte i venti erano invece contrari, cosa che gli avrebbe garantito il ritorno. Gli Alisei spirano anche nella fascia delle Canarie; pianificare la partenza dalle Canarie è stata quindi una scelta ragionata, egli sapeva che non poteva prendere il largo direttamente dalle coste del Portogallo.

Colombo fu un grande comandante

Dopo la breve sosta all’isola di Gomera, le caravelle si mantennero tra i 25 e i 30 gradi di latitudine nord, lievemente al di sopra della zona dove (generalmente) si formano le tempeste tropicali. In sostanza il navigatore genovese aveva pianificato una rotta tangente all’anticiclone delle Azzorre, sul suo lato meridionale, dove gli Alisei sono più deboli, cosa che ha rallentato la spedizione, ma l’ha protetta da eventuali pericoli, tenendo le caravelle ben lontane da zone meteorologicamente a rischio.

Cristoforo Colombo.

Da moderne ricerche risulta che la rotta seguita da Colombo sia quella che consente di attraversare l’Atlantico con la più basa probabilità di incontrare uragani e tempeste. Sempre secondo queste recenti ricerche, la probabilità di incappare in una tempesta nel settembre-ottobre del 1492, lungo quella traiettoria era di circa l’1%.

Sembra che anche la lunga sosta alle Canarie, di quasi un mese, sia stata decisa da Colombo proprio per evitare gli uragani di fine agosto. Molti di questi aspetti sono confermati anche nel diario di bordo: durante la traversata il vento fu moderato, con frequenti bonacce e una sola giornata di vento forte. Sempre dai diari si evincono dati sul colore del mare, sulla presenza di uccelli marini e dal loro volo, dai banchi di pesci. Ogni giorno si effettuavano misure di velocità con il solcometro, una cordicella cui erano presenti dei nodi e un’asta di legno venivano lanciati in mare, e con una clessidra si misurava il tempo, da cui la velocità in nodi.

Colombo fu un attento osservatore

Certamente bisogna considerare una certa dose di fortuna nella spedizione di Cristoforo Colombo, è probabile che quell’anno l’anticiclone delle Azzorre protesse da tempeste tropicali più del solito quelle distese marine. Tuttavia dai dati in nostro possesso emerge che Cristoforo Colombo era un abile navigatore, un ottimo osservatore, un buon meteorologo e un comandante saggio. Se non avesse posseduto queste abilità non avrebbe raggiunto le coste del Nuovo Mondo.

Aaronne Colagrossi

Per i miei romanzi sul mare visita www.colagrossiromanzi.it

Nell’immagine di apertura Colombo raggiunge il Nuovo Mondo, le attuali Bahamas.

DICONO DI ME

DICONO DI ME - AARONNE COLAGROSSI - ROMANZO
romanzo inferno blu cobalto – 4 luglio 2018 by cliente amazon – 5 stelle su 5

Questo romanzo è imponente, avvincente, audace. Ci si sente coinvolti immediatamente in questa storia sul mare ambientata nel 1666. I personaggi sono caratterizzati benissimo e ho particolarmente apprezzato il linguaggio multietnico della ciurma pirata, cosa peraltro vera da un punto di vista puramente storico. Le atmosfere ricordano Emilio Salgari, Crichton, Smith, persino Patrick O’Brian; la struttura dei capitoli e dei dialoghi è veloce e non annoia. La ricostruzione storica è eccellente e le sequenze nautiche sono curate nei minimi dettagli. Il linguaggio è semplice e l’autore riesce a coinvolgere il lettore, quasi accompagnandolo per mano nella lunga storia del comandante Charles Lee Knight. Leggerò certamente gli altri due libri sulla pirateria, Capo Tiburon e Pirati Sotto Scacco.

Romanzo pirati sotto scacco – 1 maggio 2018 by gabrio – 5 stelle su 5

Consigliatissimo!!! Ennesimo romanzo sulla pirateria che ti affascina dalla prima all’ultima pagina! Ti immedesimi nei personaggi e ti lasci trasportare nelle loro avventure! Non vedi l’ora di arrivare alla fine! Ho provato le stesse emozioni di quando leggo un romanzo di John Grisham! Aspetto con ansia il prossimo!

Romanzo Capo Tiburon – 7 novembre 2016 by cliente amazon – 5 stelle su 5

Quando un racconto, seppur breve, ti fa vivere quasi in prima persona una storia…beh, per quel che mi riguarda, ha perfettamente centrato l’obiettivo! Una scrittura scorrevole e colorata, mai scontata, che ti porta davvero a camminare sulla tolda di una nave della filibusta, a sentire l’odore del mare, osservare le peculiari caratteristiche di ogni membro dell’equipaggio e goderti ogni attimo di una trama avvincente e avventurosa. Spero ci sarà un seguito!

Romanzo megalodon – 24 maggio 2018 by giampaolo – 5 stelle su 5

Ho atteso di essere disteso sotto l’ombrellone per avere la location perfetta per addentrarmi nel mondo marino stupendamente descritto in questo libro. Ringrazio l’autore che firma la copia del romanzo che vi arriverà a casa. A me è piaciuto molto, ci sono molte spiegazioni scientifiche sulla vita degli squali e del (forse) estinto Megalodonte. Nella trama vengono trattati argomenti a difesa dell’ambiente come l’abominio della pesca alle balene. Il testo è ben scritto e di facile comprensione, scorre piacevolmente. Personalmente mi ha tenuto aggrappato ad ogni pagina. Lo consiglio a tutti gli amanti del genere e a chi ha letto la famosa saga “Meg”. Complimenti dott. Colagrossi!

reportage il regno degli elefanti – 1 maggio 2018 by pietro – 5 stelle su 5

Questo bellissimo libro racconta la spedizione svolta nel 2016 in Africa da Aaronne Colagrossi e da altri studiosi. Conosco la prosa fluente ed impeccabile di questo autore per aver recensito altri suoi bellissimi libri. Ho trovato la stessa prosa in questo splendido libro in cui c’è anche tutto il fascino e tutta la magia del continente che ha rappresentato la culla della vita sulla terra.

reportage in treno oltre le foreste – 24 aprile 2018 by lara – 5 stelle su 5

Uno splendido viaggio non convenzionale attraverso uno dei luoghi più antichi e magici dell’ Europa, con gli scatti e le parole che solo un grande viaggiatore con l’avventura nel cuore può trasmettere.

romanzo inferno blu cobalto – 23 marzo 2018 by andy – 5 stelle su 5

Sono un grande fan dei pirati, ma ho un po’ la puzza sotto il naso nei confronti dei romanzi sui pirati, vale a dire che non solo molti non mi soddisfano, ma che abbandono la lettura della gran parte di essi senza neanche finirli. Questo libro invece si fa leggere tutto d’un fiato. Avventure sui mari, epiche battaglie, amori impossibili e tesori nascosti, tutto scritto in maniera mirabile e minuziosa dal punto di vista terminologico e storico, senza che tuttavia questo appesantisca la lettura. Grandissima e graditissima sorpresa, è un romanzo che consiglio spassionatamente! YO-HO!

Romanzo megalodon – 23 luglio 2018 by Marco Crosa – 5 stelle su 5

Senza stare a scomodare le solite formule altisonanti quali “la risposta italiana a Meg di Steve Alten”, che lasciamo volentieri ai soliti esperti del marketing di seconda scelta, il confronto appare inevitabile. Ma se il più blasonato elasmobranco statunitense primeggia forse per taglio hollywoodiano e cinematografico (e conseguentemente alquanto caciarone, ma lo diciamo con affetto) e la serie di Steve Alten può essere assimilata a un franchise di “popcorn movies” ben confezionati, nel caso del libro di Colagrossi potremmo tracciare un parallelo verosimile con una rigorosa docufiction della BBC o del National Geographic. Gli aspetti tecnici e paleontologici sono infatti di ben altro livello rispetto alla seppur godibilissima saga alteniana, e possono costituire un utile compendio introduttivo alla scoperta dell’affascinante creatura preistorica e altri giganti del mare. Particolarmente affascinante l’ipotesi sulla misteriosa “capacità segreta” del megalodonte (non approfondiamo per evitare spoiler), e davvero emozionante e ben riuscita la scena dell’incontro a grande profondità tra il beneamato squalone e i batiscafi posacavi. Nel complesso un’ottima lettura per chi ama la narrativa di squali e desidera acquisire qualche utile (e verosimile) rudimento su di essi. Un plauso all’autore!

novel cape Tiburon (english edition) – april 13th 2016 by Julianna Bella Doerreson – 5 stars 

Cape Tiburon is a story filled with pirates, Spanish sailors, and details of the capture of the Spanish galleon and ensuing battle. I loved the detail in this. Aaronne Colagrossi knows the sea and has researched his story well. I found this adventure one I could not put down. Fast paced and well written.

romanzo inferno blu cobalto – 27 maggio 2018 by Annamaria cocomazzi – 5 stelle su 5 – pagina facebook

Aaronne Colagrossi, un figlio di questa terra molisana che le fa dono di un piccolo capolavoro: Inferno blu cobalto.
Una storia avvincente, fluidamente narrata, in grado di condurre il lettore in un viaggio verso terre lontane con passione e curiosità, attraverso un’attenta scelta dei personaggi, dei loro sogni, dei loro errori, delle loro passioni.
PIRATI. Uomini valorosi, mai banali con un codice etico che stride con il loro passato ma che è in grado di farci apprezzare valori come lealtà, amicizia, amore, rispetto dei patti.
Anche dal “fondo” della vita, anche da chi si è macchiato di orrendi crimini, l’autore è riuscito nel non facile compito di donarci il piacere della lettura e la soavita` di una storia narrata con grande competenza!

romanzo inferno blu cobalto – 11 luglio 2018 by lively – 5 stelle su 5

Sarete subito catapultati a bordo di una nave pirata della seconda metà del seicento. Lo scenario storico è ricostruito benissimo e l’autore colloca perfettamente i personaggi (alcuni realmente esistiti) nel contesto del romanzo. Le sequenze nautiche sono dettagliate e non annoiano per niente, anzi, sembra di essere in mezzo alle onde su velieri pronti a massacrare il nemico a colpi di sciabola e di cannone. La storia inoltre è molto avvincente, con un pizzico di romanticismo che non guasta per niente. Anche i dialoghi sono ben fatti, si apprezza particolarmente il carattere multietnico di una vera ciurma pirata, con inglesi, francesi, spagnoli ecc… Insomma questo romanzo vi trascinerà davvero sul mare con questi uomini assetati di sangue e bottino…

reportage il regno degli elefanti – 9 aprile 2018 by alessio langella – 5 stelle su 5

Per chi come me ama l’Africa e non perde occasione per tornarci, leggere questo diario di viaggio in Botswana è stato piacere puro. L’autore riesce a trasmettere perfettamente le sensazioni che si provano in quei territori, i colori, gli odori, gli stati d’animo, ciò che comunemente viene definito il mal d’Africa.

Romanzo pirati sotto scacco – 1 maggio 2018 by Pietro Z.- 5 stelle su 5

Un libro molto avvincente, dai contenuti forti ed intensi, ambientato sui suggestivi scenari del mar dei Caraibi, fra fondali corallini e profondità di color blu cobalto. Una storia appassionante, dove una variopinta ciurma di disperati bucanieri costituita da avanzi di galera, disertori, rinnegati e banditi sanguinari, su una nave piccola, ma agile e veloce, si lancia all’abbordaggio contro i quattro potenti galeoni spagnoli che scortano una nave diretta in Spagna con a bordo i cinque preziosissimi idoli d’oro sottratti nel secolo precedente al popolo Cueva. Sarà un’impresa difficile e sanguinosa quella che dovranno affrontare i pirati per mettere le mani sul prezioso malloppo, da consegnare poi al Governatore francese della Tortuga per riscuotere il compenso prestabilito. Una storia molto coinvolgente, con un finale imprevisto e spettacolare.

Romanzo Capo Tiburon – 31 maggio 2018 by andy – 5 stelle su 5

L’unico difetto del libro del buon Aaronne è che finisce subito, mentre il lettore ne vorrebbe sempre di più di pirati, di ordini urlati, di imprecazioni al demonio, di battaglie e di uccisioni. Poco male, perché ci sono gli altri suoi libri che sono altrettanto belli e che possono saziare la nostra sete d’avventura. Quello che mi piace dei suoi libri, questo compreso, è che, oltre all’indubbio talento da scrittore, si può percepire il suo minuzioso lavoro di ricerca storica e cura dei dettagli. Si badi bene però, il tutto è messo non lì come pomposa ostentazione (come invece fanno autori inspiegabilmente più famosi di lui), ma sempre al servizio della storia. E’ uno che ama quello che scrive, e questo trasuda da ogni pagina. Più che promosso! Ora scusatemi, vado a mettermi una benda sull’occhio e una finta gamba di legno e mi scolo una bottiglia di rum. Fino al suo prossimo libro.

romanzo inferno blu cobalto – 30 aprile 2018 by Alessandra Bancalà – 5 stelle su 5 – pagina facebook

Ho letto le ultime 150 pagine di “Inferno Blu Cobalto” tutte d’un fiato, ho avuto una giornata intera e me la sono passata con i miei bucanieri preferiti! 
Sono rimasta di stucco! 
Il finale è stratosferico! Mi sono divertita, ho avuto timore per loro, mi sono intenerita, ho pianto e alla fine ho gioito con il capitano e chi l’ha seguito nella sua scelta… E pianto per chi alla fine non ce l’ha fatta… 
Era molto tempo che desideravo inoltrarmi in un’avventura di questo genere, e devo dire che Aaronne ha colto totalmente l’anima di un avventura piratesca che non solo è scritta magistralmente sia nei contenuti storici e tecnici, descrivendo ogni situazione nei minimi particolari, ma che tocca l’anima e il cuore… Mi ha divertita ed emozionata… Mi ha permesso finalmente di poter viaggiare con l’immaginazione in giro per tutti gli oceani del pianeta, accompagnata dai miei personaggi preferiti, 
pirati e bucanieri… 
Sono impaziente di ricevere il nuovo libro “Pirati sotto scacco” che Aaronne oggi mi ha prontamente spedito, per immergermi ancora in queste straordinarie avventure…
Come ti dissi tempo fa Aaronne, un romanzo piratesco per ogni stagione… 
Il “meraviglioso” capitano Knight e la sua ciurma mi hanno accompagnato durante l’inverno…
Nuova stagione nuova avventura… Non vedo l’ora di conoscere il prossimo capitano di ventura durante l’estate!
La migliore pubblicità è la soddisfazione delle persone…
Ed io farò sempre ottima pubblicità ad Aaronne e i suoi romanzi… 
Con stima Alessandra B.

reportage in treno oltre le foreste – Maggio 2017 – rivista bimestrale “hera” by dottor alessandro moriccioni

Frutto della collaborazione del romanziere e geologo Aaronne Colagrossi e del cameraman e fotografo Luciano Baccaro, questo libro è un viaggio tra parole e immagini nell’entroterra poco noto della Romania incastrata tra i Carpazi e la Transilvania. Qui sopravvivono culture e folclori congelati nel tempo, qui si giunge con il treno della meraviglia direttamente da Bucarest col sapore di una transiberiana. Ed ecco che, sfogliandolo, ci sentiamo letteralmente trasportati nella terra del silenzio dove foto rigorosamente in bianco e nero illustrano testi ugualmente ovattati. E c’è qualcosa di Vivian Maier in tutti gli sguardi, nei paesaggi, negli “attori” che Baccaro coglie in fragrante con la sua macchina. Qualcosa di Hemingway nell’incedere descrittivo di Colagrossi.

Romanzo Capo Tiburon – 4 maggio 2016 by flo72 – 5 stelle su 5

Questo racconto non troppo breve di ambientazione pirati è davvero bello.
L’autore scrive molto bene, con termini adatti al periodo e mai banali e con un uso che definirei temerario delle metafore e similitudini (tanto che in alcuni punti, non tanti, forse sono persino troppe, più di una nella stessa frase)
I due gruppi di personaggi (pirati e militari) sono caratterizzati splendidamente con il loro modo di parlare differenziato con cura.
Divertente, curato nei dettagli e senza refusi o errori che abbia potuto notare. Validissimo.

Romanzo megalodon – 30 agosto 2017 by walter la marca – 5 stelle su 5

Magnifico romanzo di avventura che, prendendo spunto da dati scientifici, crea una storia di pura fantasia, ambientandola ai giorni nostri con una dovizia di particolari che immergono il lettore, letteralmente, nelle profondità abissali dell’oceano. Per chi ama l’avventura e la vita in mare: “Perfetto! Lettura consigliata”.

Reportage Il Regno Degli Elefanti – 22 gennaio 2019 by antonella rossi – via mail

La lettura del libro “Il Regno Degli Elefanti” è scorrevole e minuziosa nei dettagli del paesaggio, della flora e della fauna. Iniziando e proseguendo la lettura si ha una sensazione di pace mista ad adrenalina e di pura avventura, che mi ha catapultato in un mondo lontano dagli stereotipi umani. Capisci che lì fa da padrona solo la Natura, l’uomo è ospite, forse indesiderato, dalle meravigliose creature che lì vi abitano. Emozionante è la descrizione dell’incontro con l’elefante e con il maestoso leone. Scorrendo le righe ho provato un misto di attrazione e di paura per quell’immenso universo a me sconosciuto.

Romanzo Capo Tiburon – 27 aprile 2018 by Marcoil – 4 stelle su 5

Siamo nel 1635 e la nave pirata con 29 filibustieri a bordo è alla deriva. Amo le storie di mare, di pirati e d’avventura e questo romanzo non ha certo tradito le mie aspettative.
I fatti sono ispirati a una storia vera e ha come protagonista Pierre Le Grand.
Conoscevo la storia del capitano Le Grand e del famoso attacco al galeone spagnolo vicino al Capo Tiburón, sulla costa occidentale dell’isola di Hispaniola e come detto in precedenza, queste sono le storie che amo leggere.
La scrittura si presenta fluida e si evince il grande lavoro di ricerca che contraddistingue queste pagine.
Perché 4 stelle invece che 5?
Avrei voluto questo romanzo più corposo, qualche pagina in più non sarebbe stata male.
Un bravo all’autore.

novel cape Tiburon (english edition) – may 8th 2017 by Mrs Hardyon – 5 stars 

The author strips down the characters in their essence, as they struggle to survive. He does not romanticize either cruelty or humanity, but simply writes a captivating story.

reportage il regno degli elefanti – 8 gennaio 2018 by lively – 5 stelle su 5

Un bel diario di viaggio sull’Africa che racconta la spedizione nel 2016 nel Botswana; il libro è corredato da tantissime foto a colori e in Bianco e nero a pellicola. Sono immagini amatoriali ma conservano tutta la magia dell’Africa. Libro molto scorrevole e interessante.

Romanzo pirati sotto scacco – 16 giugno 2018 by paolo – 5 stelle su 5

Anche in questo romanzo avventura e adrenalina si sommano in un susseguirsi di eventi, il tutto condito come al solito da un pizzico di romanticismo assolutamente non invadente e piacevole.

romanzo inferno blu cobalto – 22 giugno 2018 by Andrea D. – 5 stelle su 5 

Scoperto per caso, a causa della copertina col veliero che mi ha attratto subito. Come l’ho iniziato a leggere mi ha catturato immediatamente! Se vi piacciono i romanzi d’avventura, gli inseguimenti in mare, pirati e corsari, la storia del 1600/1700, se vi è piaciuto “Black Sails” o “Master & Commander” e le vicende di cappa e spada, allora avete trovato il libro che fa per voi. La ricostruzione storica è eccellente, le descrizioni curate ed evocative, ottime note per informare il lettore di termini specifici. Ho particolarmente apprezzato come la ciurma, proveniente da varie parti del mondo, usasse di volta in volta alcune espressioni nel proprio idioma d’origine. Piacevole, avvincente, interessante, davvero una lettura da gustare. Adesso sicuramente comprerò gli altri suoi libri sui pirati e anche il resto della sua produzione!

romanzo inferno blu cobalto – 30 luglio 2018 by giacomo – 5 stelle su 5 

Libro piratesco davvero bello, tra i vari libri che trattano il tema questo è sicuramente quello che mi è piaciuto maggiormente, tutti i personaggi sono ben caratterizzati, la lettura è scorrevole e mai noiosa, consigliatissimo!

Romanzo Capo Tiburon – 21 settembre 2016 by agostino casula – 5 stelle su 5

Devo dire che il libro è stato in grado di stupirmi piacevolmente sia per descrizione dei personaggi sia per il testo a livello generale; nonostante sia un breve racconto, è scorrevole e avvincente, ti tiene incollato dall’inizio alla fine, anche grazie alle dettagliatissime descrizioni. Faccio i miei complimenti al signor Colagrossi per questo libro che è davvero bello e ben strutturato su tutti i fronti, spero di poter leggere presto un’altra sua opera! Faccio ancora le mie congratulazioni per i dettagli anche sui personaggi (che forse è stata la cosa che mi ha colpito di più, grandissimo!), così realistici .Grazie per avermelo consigliato.

Romanzo Capo Tiburon – 9 maggio 2017 by viviana v. – 5 stelle su 5

Quando leggo un libro e mi trovo in mezzo ai personaggi, vuol dire che il libro è stato scritto bene e sopratutto in modo semplice. Ho già letto un libro di Aaronne Colagrossi e fidatevi di me: i suoi libri sono dei capolavori. Lo consiglio 100 miliardi di volte.

romanzo inferno blu cobalto – 15 agosto 2018 by riccardo manuali – 4 stelle su 5 

Il mondo dei pirati mi ha sempre affascinato, sin da quando da piccolo trovai per caso in edicola un fumetto che mi fece sognare ad occhi aperti per mesi… quindi mi capita ogni tanto di cercare qualche libro o film che possa farmi rivivere quei momenti. Il mitico Jack Sparrow sicuramente ci è riuscito, la serie Black Sails sicuramente no (dato che mi sono fermato alla seconda stagione). Per i libri concordo che Salgari abbia una marcia in più, ma questo Inferno Blu Cobalto non mi è dispiaciuto, anzi… e ho voluto premiarlo con 4 stelle anche se il libro forse è risultato essere un po’ troppo lungo e alcune sezioni sono risultate un po’ troppo lente. Però sicuramente meglio di altri libri che mi erano capitati tra le mani.

Romanzo pirati sotto scacco – 5 settembre 2018 by andy – 5 stelle su 5

L’ennesimo libro del buon Aaronne a cui mi incollo, l’ennesima conferma di un talento puro, di uno scrittore sopraffino e di uno storico minuzioso. Le sequenze di guerra e battaglie le ho trovate perfette, cruente al punto giusto, credibili e lineari. I personaggi sono ben caratterizzati e il linguaggio tecnico è usato ‘col cucchiaio’, per non confondere il lettore un po’ distratto o non esperto in materia. Che dire, ormai non più una sorpresa ma una bellissima certezza. Sarò sicuramente uno dei suoi lettori più assidui anche in futuro. E se dovesse deluderci… beh, non lo farà, pena un giro sotto la chiglia della nave in compagnia degli squali! AAAAAHHHHHRRRRRRRRR!

Romanzo megalodon – 27 agosto 2018 by pietro z.- 5 stelle su 5

Un’altro ottimo romanzo d’avventura di Aaronne Colagrossi, anche questo ambientato su scenari marini suggestivi, ma anche in abissi oceanici infidi e orridi. La storia questa volta parte da Fernandina, isola dell’arcipelago delle Galapagos, dove vengono ritrovati, all’interno di un calamaro gigante in decomposizione, dei denti non fossilizzati lunghi 18 centimetri che gli scienziati ritengono appartenere ad un Carcharocles megalodon, enorme squalo preistorico vissuto sulla terra da venti milioni a tre milioni di anni fa ed ormai ritenuto estinto. Uno squalo dalle misure terrificanti, pari a circa 20 metri di lunghezza per 50 tonnellate di peso. Da questo evento si snoda una storia di scontri sanguinosi e mortali negli abissi dell’oceano fra spaventosi giganti del mare. Una storia dal sapore fantascientifico che talora assume anche decise venature horror e che non sarà facile dimenticare.

Romanzo Capo Tiburon – 15 ottobre 2016 by guido cogliandro – 5 stelle su 5

Un libro con contenuti fantastici, la lettura scorre in modo piacevole, la storia è accattivante ed è raccontata in modo magistrale dall’autore, insomma sembra di appartenere alla filibusta.
Complimenti Aaronne Colagrossi.

Romanzo pirati sotto scacco – 22 ottobre 2018 by max – 5 stelle su 5

Dopo Inferno Blu Cobalto e Capo Tiburon (un raccontino agile e tranquillo) ecco un altro libro di Aaronne Colagrossi. In assoluto il migliore sui pirati che abbia letto negli ultimi anni. Ben documentato, con la giusta dose di suspance, violenza, e le competenze marinaresche per poter raccontare di orzate, abbordaggi, andatura di bolina, ecc. Veramente notevole.

Romanzo Capo Tiburon – 17 ottobre 2018 by annozero – 5 stelle su 5

Ho letto Capo Tiburon dopo aver visto recensioni positive su Inferno Blu Cobalto, dello stesso autore. Avendo visto che quest’ultimo libro era preceduto da un altro a tema piratesco ho deciso di iniziare con ordine e leggere questa prima opera sui pirati di Aaronne Colagrossi. Che dire? Un tuffo nel passato, e soprattutto un tuffo nelle acque dei Caraibi al tempo dei celebri filibustieri. Il lettore si ritrova immediatamente in quell’affascinante quanto rozzo mondo dei predoni del mare. Il ritmo è incalzante e la brevità dello scritto permette la lettura tutta d’un fiato senza però risultare sommario o povero. Adoro da sempre la letteratura piratesca e questo libro non ha nulla da invidiare ad altri forse più celebri, in fatto di avventura quanto di accuratezza storica.
E’ stato un piacere navigare con i pirati di Colagrossi e non vedo l’ora di tuffarmi nelle nuove avventure di Inferno Blu Cobalto e Pirati sotto scacco!

Storia sismica dell’Italia.

Terremoto in un antico dipinto.

Se consideriamo che circa la metà degli italiani vive in zone sismiche, dove più del 60% degli edifici sono da considerarsi insicuri in caso di terremoto, in quanto progettati e costruiti senza vincoli dalla normativa antisismica, allora due grosse domande che mi faccio sono: quale è la storia sismica dell’Italia e quanti terremoti catastrofici vi hanno avuto luogo?

È inutile girarci intorno: l’Italia è un paese sismico.

Eccetto alcune zone franche, come la Sardegna e la Puglia sud-orientale (ma la mano sul fuoco non ce la metterei), la nostra penisola è interessata tutto l’anno da fenomeni sismici di varia natura, profondità ed entità – gli addetti ai lavori comprenderanno queste approssimazioni – senza tralasciare il fatto che ogni anno nel sottosuolo del nostro Bel Paese avvengono mediamente circa 2500 eventi di magnitudo 2.5 (non è poco!). La storia sismica dell’italia è quindi molto complessa.

L’attività sismica italiana è concentrata prevalentemente nella crosta terrestre a profondità decisamente minori di 40 Km. Bisogna escludere da questo calderone i sismi che avvengono lungo l’arco calabro e nel bacino tirrenico delle Eolie.

Inoltre basta guardare l’Italia su una cartina geografica per capire l’andamento della catena appenninica e, quindi, della sua attività tettonica, strettamente correlabile all’asse montuoso appenninico.

Tuttavia c’è da dire che solo nell’ultimo cinquantennio è stato possibile studiare bene, da un punto di vista fisico e matematico, i terremoti.

Cartina dell'Italia fisica. Storia sismica dell'Italia
Cartina dell’Italia fisica.

Gli antichi Romani furono degli ottimi osservatori, nonché dei grandi tecnici in molteplici discipline; a dirlo sono i fatti, le strutture da loro create e la storia. Furono loro i primi a scrivere la storia sismica dell’Italia.

Già Plinio si cimentò nella descrizione di tantissimi fenomeni naturali, tra cui il vulcanismo.

Ad ogni modo, nel corso del lungo impero Romano, e poi in epoca medievale, molti storici riportano i seguenti dati, magari approssimativi e lacunosi, tuttavia buoni indicatori di quanto avvenuto sul nostro territorio.

Dal 200 a.C. al 100 d.C. (date approssimative), gli antichi Romani riferirono, nelle loro cronache, di terremoti disastrosi nelle attuali aree della Toscana, dell’Umbria, delle Marche, dell’Emilia-Romagna, della Calabria, della Sicilia, della Campania e della Basilicata.

Nel 346 d.C. un terremoto distruttivo colpì l’Italia centro-meridionale, principalmente il Sannio; nel 362 fu invce la volta di Messina-Reggio Calabria, con migliaia di vittime e un maremoto nello Stretto.

Nel 442 e nel 476 d.C. toccò a Roma, con un crollo parziale del Colosseo, danni a innumerevoli monumenti e crollli agli edifici civili.

Nell’801 un terremoto distastroso colpì Perugia, le scosse furono avertite anche a Roma, che nell’847 e nell’849 fu danneggiata da nuove scosse.

Veduta in elicottero del colosseo. Storia sismica dell'Italia
Veduta in elicottero del colosseo.

Nel 908 e 989 Irpinia e Sannio furono colpite da una serie di potenti terremoti, probabilmente nono grado della scala Mercalli.

Nell’anno 1004 fu Padova a cadere nel mirino della natura, dove ne uscì parzialmente distrutta. Nel 1046 invece la valle dell’Adige fu colpita da una serie di scosse di rilevante intensità.

Nel 1104 fu la Liguria a essere colpita, con numerose vittime.

Dall’anno mille a oggi si sono verificati circa 30.000 eventi sismici di media e forte intensità, di questi più di duecento sono stati definiti disastrosi.

Nel solo ventesimo secolo si contano circa 130.000 vittime.

Nel 1169 la Sicilia orientale venne stretta nella morsa di un potente sisma, approssimato intorno al decimo grado della scala Mercalli. Da Catania a Siracusa si contarono migliaia di morti.

Terremoto di Noto, Sicilia orientale. Storia sismica dell'Italia
Terremoto di Noto, Sicilia orientale.

Nel 1315 L’Aquila subì un terremoto distruttivo, quantificabile intorno al nono grado della Mercalli. Nel 1343 il Golfo di Napoli fu interessato da un potente maremoto, che portò alla devastazione del porto della città partenopea.

Poi toccò al Friuli nel 1348, con migliaia di morti.

Il 5 dicembre del 1456 il regno di Napoli fu devastato da uno dei più grandi sismi della storia sismica d’Italia: trentamila morti, scosse del decimo grado della scala mercalli e devastazioni dall’Abruzzo, al Molise, alla Campania, alla Puglia e alla Basilicata.

Terremoto del Regno di Napoli, 1456. Storia sismica dell'Italia
Terremoto del Regno di Napoli, 1456.

l’11 marzo del 1693, in Sicilia orientale, un terremoto dell’undicesimo grado della mercalli portò morte e devastazione in quella magnifica terra. 60.000 persone persero la vita, seguì un maremoto.

Molti scienziati concordano che questo fu uno dei più potenti sismi mai registrati nell’era dell’uomo in Italia.

Il 5 febbraio del 1783 lo Stretto di Messina fu devastato ancora da un teremoto dell’undicesimo grado Mercalli, si registrarono 50.000 morti.

Il 26 luglio del 1805 fu la volta della mia città, Campobasso, con un sisma del decimo grado della Mercalli. Persero la vita quasi seimila persone in quella tragica notte.

Terremoto 1805 - Vesuvio Storia sismica dell'Italia
Terremoto 1805 – Vesuvio

Il 16 dicembre 1857 le provincie di Salerno e di Potenza furono quasi rase al suole da un potente sisma, che uccise quasi dodicimila persone.

Il 28 dicembre 1908 una delle più grandi sciagure naturali dell’Europa colpì lo Stretto di Messina.La regione venne letteralmente distrutta da un terremoto, probabilmente del dodicesimo grado Mercalli (vere e proprie mutazioni morfologiche del territorio).

Circa 120.000 persone perirono e molti scomparvero nel maremoto che colpì la zona.

Avezzano 1915 Storia sismica dell'Italia
Avezzano 1915

Nel 1915 più di trentamila persone morirono nel terremoto di Avezzano, il sisma fu avvertito distintamente a Roma e a Napoli.

Come capirete la storia sismica d’Italia è davvero lunga. Il novecento fu teatro di numerosi terremoti: 1930 in Irpinia, 1938 nel Basso Tirreno, 1968 in Belice, 1976 in Friuli, 1980 in Irpinia, 1990 in Sicilia, 1997 in Umbria, 31 ottobre 2002 di nuovo in Molise, 6 aprile 2009 a L’Aquila, 29 maggio 2012 in Emilia-Romagna, 24 agosto 2016 ad Amatrice e arriviamo all’ultima del 30 ottobre 2016, che è stata definita una delle più forti scosse sismiche mai registrate in Italia.

Nell’agosto 2018, il Molise viene nuovamente flagellato dalla furia della natura. Il 14 agosto, alle 23.48, l’area del paese di Montecilfone (CB) subisce un terremoto di magnitudo 4.4. Il 16 agosto ne subirà una seconda, di magnitudo 5.1: cui seguirà uno sciame sismico tuttora in atto, mentre sto scrivendo e aggiornando questo articolo.

Aaronne Colagrossi.