Il comandante Paul Watson

Paul Watson

L’unico ad opporsi realmente e fisicamente ai massacri di specie a rischio di estinzione è Paul Watson della Sea Shepherd Conservation Society.

I suoi metodi non nuocciono all’incolumità delle persone, ma a quella delle imbarcazioni baleniere, e non solo, anche dei pescherecci che, illegalmente, pescano specie ittiche a rischio di estinzione.

Molti credono che Watson sia un pirata, o meglio, un eco pirata, alcuni un eco terrorista, ma lui è fermamente convinto che i giapponesi (e non solo) violino leggi internazionali cacciando le balene, rifugiandosi dietro la scritta “Ricerca”, soprattutto cacciando nel Santuario dell’Oceano Meridionale.

Tuttavia  l’opinione pubblica e la Sea Shepherd sono, in realtà, le uniche armi per combattere la piaga della caccia alla balena.

Nel 1946 la “Commissione Internazionale per la Caccia alle Balene” cercò di regolare la caccia. Ma ottenne l’effetto contrario: la incoraggiò.

Nei successivi trent’anni, più di due milioni di balene sono state massacrate dai balenieri. Agli inizi degli anni ottanta la commissione si riunì per formulare un nuovo trattato. Fondamentalmente presentava molte falle ma la caccia continuò.

Paul Watson Aaronne Colagrossi

L’anno di svolta fu il 1986. Il divieto della caccia alla balena divenne totale; però il Giappone, la Corea, la Norvegia, l’Islanda e la Russia perseguirono la loro attività di pesca.

Solo nei primi sei anni della decade ottanta sono state uccise circa ottantamila balene, tra cui balenottere minori, balenottere comuni, balenottere boreali, balenottere di Bryde, megattere, balene grigie, capodogli e balene della Groenlandia.

Moderna caccia alla balena. Watson Colagrossi
Moderna caccia alla balena.

Nella prima metà degli anni novanta la commissione ha istituito il Santuario delle Balene dell’Oceano Meridionale, ovvero un’area di cinquanta milioni di chilometri quadrati intorno all’Antartide. Area particolarmente critica per circa sette specie di balene.

Ma il Giappone e la Norvegia continuarono imperterriti nelle attività di caccia. Questi sono gli unici due paesi che, sfacciatamente, violavano continuamente i trattati internazionali di pesca alla balena.

Aaronne Colagrossi
Be Sociable, Share!