BIOGRAFIA

… Be water my friend…

Aaronne Colagrossi nasce a Campobasso nel 1980.

Sin da quando è bambino nutre una profonda passione per la natura in tutte le sue forme, in particolare per i dinosauri e per gli squali, le misteriose creature del mare.

Dopo aver frequentato le scuole superiori, nel 2000 si iscrive ad un corso di Geologia presso l’Università di Parma, identificando definitivamente la storia del nostro pianeta ciò che maggiormente si addice alle sue attitudini.

Ottiene la laurea in Scienze Geologiche presso l’Università del Molise con una tesi in rilevamento geologico e paleontologia, che si rivelerà una svolta nella sua futura carriera di autore di narrativa. La zona di studio, al confine tra Abruzzo e Molise, si mostra ricchissima di fossili di denti di squalo.

Quando un paleobiologo di Napoli gli offre la possibilità di studiarla e documentarla, accetta subito.

Il neo autore getta così le basi del suo primo romanzo, dal titolo Megalodon il predatore perfetto (2012), grazie all’immensa mole di dati inerenti gli squali fossili dell’Italia centrale, raccolti direttamente in montagna.

Le passioni per la natura, la geologia, gli animali e la fotografia, lo portano a viaggiare a lungo in Europa e in Africa, nonché a conseguire brevetti subacquei di vari livelli. Ha l’opportunità di immergersi nei fondali del Mar Rosso, di dormire in tenda nel deserto del Kalahari, di navigare sul delta del fiume Okavango e di vedere le sue amate creature in mare, partecipando a una spedizione in Sudafrica, per ammirare il grande squalo bianco, protetto da una gabbia antisqualo. Nel 2017 prende parte a una crociera subacquea nel Mar Rosso, tra Arabia ed Egitto, per immergersi con gli squali martello e gli squali oceanici a punte bianche, i famigerati Longimanus, gli squali preferiti dal comandante Jacques Y. Cousteau.

Alla passione per le scienze, unisce da sempre quella per la storia, in particolare per la lunga e complessa storia della pirateria delle Indie Orientali e Occidentali, sia da un punto di vista nautico e tecnico, che geopolitico e geografico. Nel gennaio 2016 pubblica un romanzo breve sulla pirateria, dal titolo Capo Tiburon (basato su eventi reali), anche in edizione in inglese (Cape Tiburon).

Nel 2009 ottiene anche la laurea in Geologia Applicata all’Ingegneria e al Territorio, presso l’Università “La Sapienza”. Nel 2010 pubblica, sul periodico semestrale “Quaderni di Scienza e Scienziati Molisani“, un articolo scientifico sulla sua tesi in rilevamento geologico e paleontologia degli squali.

Dal 2015 collabora con il sito ocean4future.org, per il quale scrive articoli di geologia e paleontologia, nonché con le associazioni subaquee Blue Safari e H2O Scuba Libre. Dal 2017 collabora anche con il sito biopills.net, per il quale scrive articoli di geologia e paleontologia.

Nel marzo del 2017 pubblica il suo primo reportage di viaggio In Treno Oltre Le Foreste, dopo un lungo viaggio in treno, in Romania, realizzato a gennaio 2016 con un amico fotografo (co-autore del testo).

Nell’agosto del 2017 pubblica un secondo romanzo sulla pirateria, dal titolo Inferno Blu Cobalto, la lunga storia del comandante Charles Lee Knight, della sua nave, la fregata Reaper, e del suo equipaggio; una vera odissea per circumnavigare il globo, basato in parte su eventi reali. Il libro, di circa 650 pagine, vede una lunga fase di editing nautico ed editoriale, durato quasi due anni; nel febbraio 2018 supera le mille copie vendute sul territorio italiano.

A dicembre 2017 pubblica Il Regno Degli Elefanti: avventura in Botswana, un reportage di viaggio su una spedizione eseguita dall’autore in Botswana, nel cuore del Continente Nero: l’Africa. Il libro vede la prefazione di Danilo Russo, autore di diversi testi scientifici, nonché ecologo e docente di Conservazione della Natura presso l’Università di Napoli Federico II. 

Nel marzo del 2018 pubblica il suo sesto libro, Pirati Sotto Scacco, un romanzo storico sulla pirateria basato in parte su eventi reali, in particolare lo sterminio del popolo Cueva ad opera dei Conquistadores spagnoli nel 1520. Il libro va a chiudere una trilogia sulla pirateria voluta e studiata dall’autore tra il 2012 e il 2018, dopo anni di studi bibliografici sul tema della pirateria, lungo e complesso.

Il suo motto è “Be water my friend“, che significa “Sii acqua amico mio“. Lo ascolta da Bruce Lee (maestro nel corpo e nella mente), in una vecchia intervista in bianco e nero degli anni sessanta.

Questo perché l’acqua può adattarsi a ogni forma, in una tazza assumerà la forma della tazza, e così via all’infinito; ma l’acqua può esprimere anche pura potenza della natura, tale da frantumare la roccia in migliaia di pezzi e divorare lentamente il ferro.

Aaronne Colagrossi biografia

Siate come acqua amici miei.

A.C.

https://www.facebook.com/aaronnecolagrossicom/ Clicca sul simbolo e seguimi su facebook

Be Sociable, Share!