Emilio Salgari: l’uomo che viaggiava da fermo

Emilio Salgari - Colagrossi

Salgari nasceva a Verona il 21 agosto del 1862, fu uno degli scrittori più iconici d’Italia. Regalò sogni a milioni di lettori, senza lasciare mai il Bel Paese

Emilio Salgari è considerato oggi uno dei tre moschettieri Best-Seller degli anni ottanta del 1800, insieme al toscano Carlo Collodi e al ligure Edmondo De Amicis. Dei tre Salgari è sicuramente il meno acculturato, ma il più prolifico di certo, con più di 200 opere tra romanzi e racconti.

Emilio Salgari - Colagrossi
Emilio Salgari

Lo scrittore veronese cominciò come giornalista di cronaca nera, nonché notista di politica estera su un quotidiano locale. Fu proprio in questo periodo che Salgari cominciò a spaziare con disinvoltura su località geograficamente lontane.

Il padre del futuro scrittore aveva un negozio di tessuti, ma Emilio non ne voleva sapere di rinchiudersi in una bottega. Tuttavia il giovanissimo Salgari a scuola non andava bene, eccetto che in storia, geografia e italiano. In compenso leggeva molto bene e a 16 anni scrisse il suo primo racconto d’avventura.

Le cugine veneziane ricordavano come il loro giovane parente, quando le visitava, raccontasse di viaggi appena compiuti in India e in Africa. Le cugine ridevano di lui, ma egli non si scoraggiò mai.

Presto divenne oggetto di scherno anche nella sua città, lo chiamavano “Salgarello” perché era basso e robusto; usava tacchi di tre centimetri. Lui perseverò, iniziò a tirare di scherma, vinse gare di nuoto e divenne anche presidente della società velocipedistica Bentegodi. Le sue stravaganze erano ormai ben note a tutti, fino al giorno in cui non si fece vedere con un turbante sormontato da un vistoso pennacchio…

Già da ragazzo Emilio Salgari era decisamente stravagante!

Come tutti i suoi coetanei, Emilio Salgari sognava viaggi che non avrebbe mai potuto fare; d’altronde era la moda dell’epoca. L’Italia era ancora un paese che viveva in bianco e nero, l’Unità era ancora dietro l’angolo della Storia. Sognare (magari a colori) era l’unico lusso che ci si poteva permettere.

Tanto per citare le cronache dell’epoca, l’ex militare, nonché famoso esploratore e giornalista Augusto Franzoj, ricevette ben 800 richieste da volontari, pronti a seguirlo in Amazzonia. Franzoj era appena rientrato da migliaia di chilometri percorsi in Abissinia, dove aveva anche conosciuto il poeta Rimbaud.

Emilio Salgari - Colagrossi

Tornando al nostro caro Salgari, perpetrò anche un’altra arte: disegnare. Lo faceva ovunque, persino sui polsini delle camicie. I suoi soggetti preferiti erano vascelli con le vele spiegate e i cannoni che sparavano palle di ferro seguite da nuvole di fumo: Emilio voleva le battaglie sul mare, che lo avrebbero reso celebre.

Emilio Salgari colse quello che gli italiani volevano essere…

Impiegò dieci anni della sua vita per farsi un nome, per diventare il padre di Sandokan, del Corsaro Nero e di tanti altri personaggi leggendari tratti dai suoi racconti. Salgari colse quello che gli italiani volevano essere!

Su alcuni giornali locali pubblicò due feuilleton (romanzi d’appendice). Il secondo di questi racconti, La Tigre della Malesia, vedeva un feroce pirata malese in guerra totale contro gli inglesi dominatori; tutto per vendicare dei gravi torti familiari. Sandokan era (ed è) un personaggio per adulti, cruento, grondava sangue letteralmente, ma piaceva proprio per quello.

Di Sandokan si diceva: “Ama succiare le cervella dei nemici uccisi”

Come ben sapete, Salgari divenne ben presto una macchina di produzione di romanzi e racconti, davvero irrefrenabile. Rispondeva alle esigenze del pubblico con naturalezza straordinaria. Riusciva a a pubblicare finanche quattro romanzi all’anno, senza contare i racconti.

La sua prolificità non andò, però, in accordo con la sua famiglia numerosa. Infatti fu costretto a svendere i suoi testi agli editori. Il povero Salgari non riusciva a vivere oltre la realtà virtuale che aveva creato egli stesso. Lo scrittore veronese viveva in scenari fantasiosi, immaginari, ma verosimili al tempo stesso, che costruì mese dopo mese.

Emilio Salgari - Colagrossi
La famiglia Salgari

La sua fervente immaginazione, prorompente come un fiume in piena, venne alimentata da un costante approvvigionamento di informazioni enciclopediche. Faceva parte anche del positivismo italiano di inizio secolo.

Agli inizi del 1900 tutto sembrava non avere più segreti, qualsiasi cosa poteva essere descritta e classificata, quindi governato, se vogliamo.

La fantasia di Salgari non aveva limiti

Emilio Salgari era così bravo a inventare personaggi stravaganti, che usò persino egli stesso per il personaggio di uno scrittore giramondo. Nonostante la bocciatura per la patente di capitano marittimo mercantile, scrisse di suo pugno una nota biografica a un editore. Nella nota dichiarò di essere entrato a quattordici anni nel Regio Istituto Nautico di Venezia, dove aveva conseguito la patente suddetta.

Emilio Salgari - Colagrossi

Ecco cosa dichiarò: “Ho solcato come ufficiale quasi interamente tutti gli oceani, spinto da una insaziabile curiosità e con la mira soprattutto di dare anche al mio paese quella letteratura che aveva dato fama a Jules Verne e tanti altri autori, e che ancora manca all’Italia. Per sette anni navigai, tutto osservando, studiando, facendo ovunque escursioni all’interno delle terre e delle isole, usando tutti i mezzi di locomozione possibili, su usi, costumi, sulla fauna e sulla flora dei vari paesi. Dall’equatore ai mari polari, tutto ho veduto e osservato”.

A questa fandonia del viaggiatore ci crederà fino alla fine anche la moglie, cui Emilio si firmava Selvaggio Malese nelle sue lettere d’amore. A Verona lo prendevano in giro per questa mania. Al contrario di autori come Conrad, Kipling, London (che avevano vissuto realmente avventure in luoghi lontani), o persino Jules Verne (che navigava su uno yacht privato), Salgari aveva preso parte ad un unico viaggio come mozzo sino a Brindisi, per tre mesi su un’imbarcazione di dodici metri che rischiò pure di naufragare in Dalmazia.

Un collega giornalista lo derise in pubblico per questa sua mania del falso comandante. Salgari lo sfidò a duello, ferendolo al primo assalto e lasciando una marcata voglia di finirlo. Forse si pose la domanda: sarei disposto ad uccidere per preservare questa fandonia? Non lo sapremo mai!

Emilio Salgari - Colagrossi

Il 3 aprile 1897 la regina Margherita di Savoia insignì Emilio Salgari del titolo di Cavaliere, per aver “istruito dilettando” i giovani italiani. Tuttavia il titolo a cui lo scrittore tenne di più negli anni fu quello auto-conferitosi di Capitano, con cui firmava le lettere.

Si firmava col titolo di capitano

Per due anni si trasferì a Genova (vi nacque anche Il Corsaro Nero), dove sovente si recava al porto, per parlottare con i marinai dei carghi. In genere veniva accolto come un lupo di mare, visto che conosceva i porti di tutto il mondo e aveva competenze marinaresche di alto livello. Insomma: quello che non aveva potuto vedere con i propri occhi, lo aveva assorbito in biblioteca, consultando enciclopedie, trattati di botanica, di zoologia, memoriali e resoconti.

Emilio Salgari - Colagrossi - Genova
Emilio Salgari a Genova, vestito da marinaio

Salgari era abbonato al Giornale illustrato dei viaggi e delle scoperte, edito da Sonzogno al prezzo di cinque centesimi di lire a numero. Lo scrittore veronese voleva esaudire “il bisogno fattosi generale di conoscere quello che s’agita in tutte le parti del nostro globo”.

Naturalmente anche altri scrittori dell’epoca non avevano mai mosso un dito fuori dall’Italia, all’epoca non era così semplice affrontare un viaggio. I lettori inoltre non volevano accuratezza scientifica, ma incantarsi e rimanere stupefatti di un mondo lontano.

Emilio Salgari racconta di palombari in lotta con piovre giganti, di esquimesi al polo mentre cacciano balene, dei negrieri del Sahara, dei deserti australiani, delle cacce al condor in Cile, del duro mestiere dei pescatori di perle, della tragedia del cutter Eagle (in rotta verso Barbados).

Le descrizioni del “capitano” sembrano fotografie, come ne Il Corsaro Nero

Ne Il Corsaro Nero (uno dei miei preferiti) c’è questo passaggio che ha un che di poetico, e sembra quasi scaturire dal ricordo di un’emozione personale più che da un dato semplicemente scientifico.

Eccolo: “Sotto i flutti, strani molluschi ondeggiavano in gran numero, giuocherellando fra quell’orgia di luce. Apparivano le grandi meduse; le palegie simili a globi luminosi danzanti ai soffi della brezza notturna; le graziose melitee irradianti bagliori di lava ardente e colle loro strane appendici foggiate come croci di Malta; le acalefe, scintillanti come se fossero incrostate di veri diamanti; le velelle graziose, sprigionanti, da una specie di crosta, dei lampi di luce azzurra d’una infinita dolcezza, e truppe di beroe dal corpo rotondo e irto di pungiglioni irradianti riflessi verdognoli.”

Emilio Salgari - Colagrossi
Statua di Emilio Salgari a Verona

In casa lo scrittore aveva una grossa cassa piena di schede prelevate dalle biblioteche, da cui attingeva per le sue opere, senza precludersi nessuna location sul globo, come dimostrano i suoi numerosissimi romanzi.

Emilio Salgari aveva migliaia di schede naturalistiche…

Nelle sue schede c’era di tutto: dagli insetti, alle scimmie, ai gasteropodi. Egli legge di insetti fosforescenti americani, delle tempeste di sabbia in Islanda, delle spugne perforatrici, del nautilo marino. Persino la flora, con Emilio Salgari, si eleva a ruolo primario e non solo decorativo.

Emilio Salgari - Colagrossi
Salgari (sx) con l’amico scrittore Luigi Motta, che per gran parte della vita lo imitò, ricevendo però più soddisfazioni economiche del maestro.

Nessuno dei suoi lettori sospetta che l’autore non abbia mai nemmeno lontanamente provato il delizioso Durion, che produce una crema al profumo di mandorle, né gustato la carne del babirussa, né del porcellino a zanne ricurve. Salgari riesce a stupire parlando del cavolo palmizio, o degli alberi del pepe e del pane, delle nepenti carnivore, o delle lucertole che planano da un Pinang all’altro.

Non mancarono le corbellerie, in molti suoi racconti, come le tigri del Borneo; infatti le ultime in questa regione si estinsero al termine del Pleistocene, più di diecimila anni fa. Ma le tigri salgariane sono emblemi immortali, protagoniste dell’eterna lotta tra il Bene e il Male.

A modo suo è stato comunque un genio

Leggere in adolescenza un romanzo di Emilio Salgari era (ed è tuttora) come fare un corso accelerato di Scienze Naturali e di Nautica. Lo scrittore riceveva spesso lettere di genitori spaventati poiché i figli si erano messi strane idee in testa, spronati dalle sue avventure; lui voleva incitare i ragazzi all’azione e all’ardimento.

Emilio Salgari - Colagrossi

Senza esserne consapevole, Salgari era stato un genio del marketing romanzesco dell’epoca. Le estati lunghe e vuote venivano colmate dai ragazzi leggendo le sue avventure. L’automobile era un lusso costosissimo e il cinema era agli albori.

Emilio Salgari ha commosso e coinvolto anche scrittori famosi: D’Annunzio, Pavese, Bobbio, Eco. Addirittura Ernesto Che Guevara divenne antimperialista grazie ai romanzi di Salgari, ne lesse sessantadue, di opere.

Usando semplicemente la parola, Emilio Salgari ha viaggiato in lungo e in largo, lasciando correre l’immaginazione verso confini dove pochi si erano spinti.

Ma il lato oscuro era dietro l’angolo, in attesa come una delle sue fiere della giungla. Dopo che la salute mentale della moglie capitolò, Emilio iniziò una fase di declino, complice anche la situazione economica familiare, degradata da ormai parecchi anni.

“A voi che vi siete arricchiti con la mia pelle, mantenendo me e la mia famiglia in una continua semi-miseria od anche di più, chiedo solo che per compenso dei guadagni che vi ho dati pensiate ai miei funerali. Vi saluto spezzando la penna.”

La mattina del 25 aprile 1911 lo scrittore usci di casa, a Torino, lasciando tre lettere sullo scrittoio. Una agli editori, una ai direttori dei giornali e l’ultima ai quattro figli. A questi ultimi dichiarò di essere un vinto e li avvisava dove recuperare il cadavere del loro padre.

Una ragazza trovò invece il corpo dello scrittore, nella mano stringeva ancora il rasoio, col quale si era aperto il ventre e la gola, come fosse stato un samurai nel suicidio rituale del seppuku.

Gli occhi erano rivolti al sole, verso la sua ultima alba.

Aaronne Colagrossi

Scopri la mia trilogia di romanzi sui pirati su www.colagrossiromanzi.it

Vedi la presentazione dei miei romanzi sulla pirateria
http://www.aaronnecolagrossi.com/presentazione-trilogia-dei-pirati/

Emilio Salgari - Colagrossi

Nota Bene. Questo pezzo è tratto per gran parte da un articolo apparso su National Geographic Italia e redatto da Ernesto Ferrero, scrittore di cui consiglio vivamente le sue opere, una la trovate nel link in alto.

Recensione: Avventure nel Mar Rosso

Intervista a cura di Andrea Mucedola. Tratta interamente dal sito http://www.ocean4future.org

D – Aaronne, ci conosciamo ormai da qualche anno, in occasione del tuo primo libro sul Megalodonte. Puoi parlarci di questa nuova opera, Avventure Nel Mar Rosso?

R – La subacquea è un qualcosa da cui non riesco a separarmi, e spero di non farlo mai. Qualche anno fa cominciai a fantasticare su un racconto di stampo mare\subacquea. Avventure Nel Mar Rosso è un diario di viaggio, quindi si può collocare nella letteratura di Viaggio nel più ampio senso del termine.

Nel 2017 ebbi l’opportunità di partecipare a questa crociera che avrebbe toccato le isole Brothers, Daedalus Reef ed Elphinstone Reef. Il mare, l’elemento su cui noi ci muoviamo (e scendiamo) ci regala sempre emozioni fortissime, a tutti i suoi visitatori, e questa è stata una grande avventura per me, il Mar Rosso è davvero un posto magico. Dovevo scriverne un libro, ma una storia vera. Scrissi il libro su un taccuino interamente in Egitto, tra un’immersione e l’altra; al mio rientro a Roma, la prima bozza del libro era praticamente pronta.

In realtà il primo giorno ero ancora indeciso se scrivere questo libro oppure no. La risposta arrivò nelle successive immersioni, quando incontrai un grande squalo martello smerlato, una femmina di tre metri e mezzo, magnifica. In quella immersione capii che era una storia da raccontare, in qualche modo.

Insomma è una grande avventura del mare!

Scalopped Hammerhead
Pesce martello smarleto – Scalopped Hammerhead – Small Brother Island

D – Quanto tempo hai impiegato a scrivere questo libro? Quale ambiente preferisci per scrivere?

R – Come ho detto la prima bozza la scrissi in meno di dieci giorni, a penna su taccuino. Ma il lavoro di digitalizzazione, riconoscimento specie, correzione bozze, editing, gruppo di lettura, ecc, mi ha portato via quasi un anno. Quando scrivo devo ascoltare musica, per immergermi nel mio mondo. Non ho particolari posti preferiti, come ho detto questo libro l’ho scritto in mare, quindi anche ambienti scomodi. Se una persona ha desiderio di scrivere lo fa in qualunque posto.

D – Come definiresti lo stile di questo libro?

R – Il libro mantiene un tono molto leggero e avventuriero, tuttavia ho curato molto il riconoscimento di tutte le specie marine che ho avuto modo di incontrare nel corso delle immersioni e le descrizioni della vita di bordo, o i dettagli nautici reali di questa avventura.

Equipaggio
I ragazzi dell’equipaggio si rilassano dopo una dura giornata

D – Inizia a raccontare.

R – Mar Rosso, la nostra imbarcazione salpa per una crociera subacquea, una vera avventura sotto il mare che ci porterà in contatto con gli squali, le meravigliose creature degli oceani, minacciate anche in questi perigliosi lidi. Gli squali sono i predatori all’apice di questa catena alimentare tropicale, dove vivono migliaia di specie animali, che avremo modo di apprezzare. Queste lontane isole sono dimora anche di relitti e fari leggendari.

D – I personaggi sono reali o inventati?

R – Più che reali: i personaggi sono tutti sub e amici della scuola H2O ScubaLibre Dive di Pescara, in Abruzzo. Le uniche cose che ho cambiato (per motivi di privacy) sono i nomi delle guide egiziane e quello dell’imbarcazione che ci ha portato in quelle lontane isole.

Carcharhinus longimanus
Carcharhinus longimanus – Squalo oceanico a punte bianche – Deadelus Reef

D – A chi è dedicato? E, soprattutto, a chi è rivolto questo libro?

R – È dedicato al mio amico e istruttore subacqueo Marco Turtù, di Pescara, uno dei protagonisti nel libro. Questo è un libro per il grande pubblico, ma può essere apprezzato da tutti coloro che nutrono passione per il mare, o nello specifico da subacquei. Magari anche persone che vorrebbero visitare quei luoghi per delle immersioni, quindi potrebbe essere anche una guida, se vogliamo.

D – Se dovessi consigliare una colonna sonora da scegliere come sottofondo durante la lettura del tuo libro, cosa sceglieresti? Progetti per il futuro, altri libri in cantiere?

R – Penso che si adatti bene la musica New Age, magari gli Enigma. Sto scrivendo un romanzo sulla Seconda Guerra Mondiale nel Pacifico. È un progetto lungo, al quale sto lavorando da due anni, probabilmente ne pubblicherò due libri poiché la storia narrata è complessa e lunga, intrecciandosi con i giapponesi che avanzano nel Sud Est Asiatico e gli americani che danno battaglia sul mare.

murena Avventure nel Mar Rosso
Murena – Panorama Reef

Ci hai convinti Aaronne… lo aspettiamo con impazienza …

Daedalus Reef
Faro di Daedalus Reef

Per acquistare il libro su amazon.it clicca in basso

Russia: nazisti sotto scacco

Colagrossi-Kalac_Novembre_1942

Da qualche anno ormai l’Europa era sul baratro della follia, a causa dei nazisti, e non solo. Nel 1941 il continente europeo si trovava in pieno conflitto mondiale e le truppe di Hitler rappresentavano una minaccia per la maggior parte dei governi.

Nell’estate del 1940 il dittatore tedesco cominciò a riflettere su un possibile attacco alla Russia. Tra l’autunno del ’40 e la primavera del ’41 iniziò uno spostamento di mezzi e uomini. Per il giugno del 1941 la scacchiera era finalmente disposta.

mappa nazi

Le truppe naziste erano pronte a partire già a maggio, ma vi furono dei ritardi, legati principalmente alle strade sovietiche, impercorribili in quella primavera piovosa. Un altro ritardo fu la questione della Jugoslavia, che fece infuriare non poco Hitler.

I movimenti delle truppe tedesche non erano sfuggiti ai russi in quei lunghi mesi, tuttavia Stalin non mobilitò l’esercito. In aprile persino Churchill avvisò il capo di Stato che l’esercito nazista stava attraversando la Polonia. Stalin fece orecchie da mercante.

Hitler organizzò tre gruppi di armate da nord a sud

Il 21 giugno l’ambasciatore tedesco a Mosca ricevette dalla Germania la dichiarazione di guerra, che consegnò al ministro Molotov.

Tre milioni e mezzo di soldati germanici erano pronti dinanzi a quasi cinque milioni di soldati sovietici. Il 22 giugno iniziò l’Operazione Barbarossa con un massiccio fuoco di sbarramento.

Il successo dei tedeschi fu immediato. Le perdite sovietiche, specialmente sull’aviazione, corrisposero al 50% dei velivoli disponibili. Tutto sembrava ben organizzato e Hitler gioì per il successo.

Ucraina. Avanzata tedesca
Truppe tedesche avanzano in un campo di grano ucraino

Facciamo un passo indietro

L’invasione della Russia rappresentava un’incognita, a causa della scarsa conoscenza del territorio e delle insidie che potevano celarsi nel lungo viaggio.

Adolf Hitler era consapevole della sconfitta subita da Napoleone nel 1812, quando questi invase la Russia. Il dittatore tedesco aveva quindi un unico scopo: non subire la stessa identica sconfitta.

A settembre Hitler dette il via all’Operazione Tifone

Franz Baur, uno dei più famosi meteorologi tedeschi dell’epoca, fu consultato dallo stesso Hitler. Il dittatore voleva sapere cosa avrebbero dovuto affrontare i soldati tedeschi nei gelidi inverni di quelle regioni. Il responso di Baur avrebbe avuto un peso importante nella scelta del momento migliore per attaccare.

Anche il servizio meteorologico statale e quello dell’aeronautica tedesca, sotto la supervisione di Baur, confermarono a Hitler che l’inverno del 1941-42 sarebbe stato nella norma con gli altri. L’esercito tedesco non avrebbe, quindi, incontrato particolari difficoltà o avversità meteorologiche.

L’errore di Franz Baur consistette nel fatto che i due precedenti inverni russi erano stati particolarmente rigidi. Secondo la sua analisi, non si era mai verificata una sequenza di tre inverni molto freddi.

novembre 41
Russia. Truppe naziste nel novembre del 1941

Naturalmente l’inverno russo è mediamente molto più rigido di quello tedesco, Hitler e i suoi fedeli adepti ne erano perfettamente a conoscenza.

Un’altra richiesta che fu fatta a Baur fu quella di individuare il periodo migliore per l’avvicinamento a Mosca da parte dell’esercito tedesco. Baur aveva notato che il periodo di maggiori piogge in Russia era quello estivo. Quindi il meteorologo consigliò di attendere l’inizio dell’autunno per iniziare l’inizio del trasferimento.

Hitler era pienamente convinto che l’esercito della Germania avrebbe raggiunto e conquistato Mosca.

Ma non andò secondo i piani dei nazisti…

Agli inizi di ottobre i nazisti l’Operazione Tifone era in pieno svolgimento, ma il 10 dello stesso mese iniziarono i problemi. L’esercito era bloccato a causa delle condizioni proibitive del suolo. Il fango dominava tutto e la mancanza di strade asfaltate fermò definitivamente le truppe naziste.

fanteria tedesca
Novembre 1942. Le truppe tedesche di fanteria si preparano all’ennesimo attacco

Il meteorologo Baur in realtà ancora non era in errore, poiché aveva previsto poche piogge. Ma le temperature basse dell’autunno tendevano ad abbassare l’evaporazione dell’acqua al suolo, cosa che portò alla formazione di pantani.

Paradossalmente sarebbe stato molto meglio partire in estate, quando, nonostante le piogge, le temperature miti avrebbero permesso al terreno di asciugarsi rapidamente. Inoltre i mezzi di trasporto tedeschi non erano propriamente adatti a terreni così fangosi.

Lo stesso Stalin, in una conversazione con l’inviato in Russia del presidente americano Roosevelt, si confidò, affermando che i tedeschi certamente non avrebbero osato avvicinarsi a Mosca nel periodo autunnale. Proprio a causa delle strade non percorribili.

La tabella di marcia dell’esercito tedesco subì quindi gravi ritardi per circa un mese. Le truppe erano bloccate nel fango. Il freddo gelido di novembre permise ai terreni di congelare, cosa che favorì i mezzi da trasporto dei nazisti. Tuttavia il freddo iniziò presto a mietere vittime tra le truppe germaniche.

Soldati tedeschi
Soldati tedeschi sotto il gelo

Le temperature dell’ottobre del 1941 risultarono pari a 2,1°C, contro i normali 4,5°C. In novembre la temperatura media fu di -5,3°C contro i normali -1,9°C degli altri anni.

Le previsioni furono errate

Cosa ancora più grave fu che le truppe ancora non ricevevano le divise invernali; queste erano state spedite dalla Germania, ma dovevano percorrere lo stesso tragitto fatto dalle divisioni tedesche. I soldati usarono fogli di giornale infilati nelle scarpe e sotto le maglie, per ripararsi dal freddo pungente.

Nei primi giorni di dicembre i nazisti raggiunsero finalmente Mosca con temperature già proibitive. Il giorno 4 dicembre la temperatura di Mosca era di -18°C. I tedeschi ancora non lo sapevano, ma un nucleo di aria fredda stava per sopraggiungere sulla Russia direttamente dall’Artico.

Il giorno 5 dicembre la colonnina di mercurio a Mosca scese a -25°C e il giorno 7 arrivò a -29°C. Inoltre nella città le temperature erano lievemente superiori a quelle delle campagne circostanti. I valori raggiunsero quasi certamente i -40°C.

Il mese di dicembre del 1941 fu il più freddo degli ultimi 150 anni in tutta la Russia. L’errata previsione di Baur costò la vita a migliaia di soldati. Inoltre sino al 1945 si susseguirono inverni particolarmente freddi in Russia, smontando la convinzione scientifica del meteorologo tedesco, che a due inverni gelidi non potevano seguirne altri.

Foto aerea Stalingrado
Scatto di un ricognitore tedesco durante il bombardamento di Stalingrado 

I Russi approfittarono proprio della notte tra il 5 e il 6 dicembre per sferrare attacchi continui e repentini ai tedeschi, meno preparati al freddo. L’attacco riuscì e fu particolarmente efficace, grazie anche alla ferocia con cui i russi organizzarono la controffensiva e al fatto che le truppe naziste fossero già provate.

Quello che i tedeschi non sapevano era che tra i combattenti russi vi erano i soldati delle divisioni siberiane, perfettamente adattati a combattere in condizioni gelide inverosimili.

Infatti quando ai russi fu ormai chiaro che i giapponesi avevano altre mire sul loro fronte siberiano, Mosca decise di mandare alcune divisioni attrezzate verso i tedeschi. Ai sovietici premeva anche il loro fronte orientale, dove i giapponesi avevano mire dall’inizio del secolo.

La disfatta nazista

La disfatta tedesca fu gravissima. Adolf Hitler fu informato e affermò che se l’avesse saputo non avrebbe inviato le forze d’invasione, proprio in quelle ore tra l’altro. Infatti il 7 dicembre i giapponesi avevano attaccato la base navale di Pearl Harbor, nell’arcipelago delle Hawaii.

Truppe naziste ottobre 41
Truppe naziste nelle prime settimane dell’ottobre 1941

I tedeschi dichiararono guerra agli Stati Uniti l’11 dicembre, sull’onda dell’attacco giapponese. La radio tedesca si limitò a riferire della sconfitta in Russia del valoroso esercito nazista, a causa di una “repentina ondata di freddo eccezionale” senza, però, minimamente citare la valorosa resistenza dell’armata della Russia.

Furono parecchi i generali che subirono l’ira di Hitler. Per la prima volta nella storia nazista vi erano state delle ritirate. La parte finale del 1941 e i primi mesi del 1942 furono un vero calvario per le truppe tedesche, che dovettero attendere la primavera e il disgelo per fare la conta dei danni subiti.

In primavera del 1942 le perdite tedesche ammontavano a 1.100.000 unità

I tedeschi, d’altro canto, non erano rimasti a guardare e anche tra i russi si contavano centinaia di migliaia di morti e dispersi. Il problema era che le truppe russe sembravano rigenerarsi: arrivavano continuamente migliaia di uomini e mezzi a rifornire il fronte.

I tedeschi cominciano a pianificare un nuovo piano di invasione

I comandanti nazisti allora cominciarono a pianificare una linea difensiva, un qualcosa che li proteggesse dalla furia russa. Tuttavia non avevano fatto i conti con Hitler: questi infatti voleva avanzare e infliggere al nemico una nuova sconfitta, dopo la chance perduta del 1941.

Il carro russo T-34
I famigerati carri russi T-34 che falciarono le truppe tedesche

In questo scenario gli Stati Uniti cominciarono a spiegare le ali e a Hitler fu definitivamente chiaro che, una volta avviato il meccanismo americano, l’asse Roma-Berlino-Tokyo avrebbe subito i primi danni.

I timori di Adolf Hitler non erano infondati. Egli aveva combattuto nella Grande Guerra e sapeva che l’intervento americano aveva fatto pendere la bilancia in loro favore, destabilizzando l’impero germanico. Hitler non lo avrebbe accettato una seconda volta.

Hitler pianificò l’Operazione Blu

Fu così che il dittatore nazista pianificò l’Operazione Blu: una nuova invasione della Russia, per l’estate del 1942. Hitler in persona stabilì che questa volta si sarebbe puntato il “mirino” nei settori meridionali della Russia: verso Stalingrado (oggi Volgograd).

General major Friedrich von Paulus
General major Friedrich von Paulus, comandante della VI armata nazista

Dall’estate del ’42 sino al 2 febbraio del 1943 si svolse la Battaglia di Stalingrado. Milioni di morti e dispersi in uno dei più grandi eventi sanguinosi di guerra della storia umana. Furono commesse crudeltà e atrocità indicibili.

Questa battaglia epocale non fu combattuta solo da nazisti e sovietici. Tra le fila tedesche Hitler dovette inserire divisioni rumene, ungheresi e italiane. Mussolini ricevette pressanti richieste di invio truppe in tratti di fronte scoperto.

testata del popolo d'italia
Prima pagina

I generali nazisti non erano molto favorevoli a questo esercito multietnico e male attrezzato per affrontare i sovietici, per così dire. Hitler riuscì a convincerli: avrebbero svolto compiti puramente difensivi.

Ad ogni modo i primi resoconti delle linee nemiche russe non furono propriamente positivi, anzi, i carri armati sovietici T-34 e KV falciavano tutto quello che trovavano. I nazisti non avevano nulla di equivalente da contrapporre, non ancora almeno, in termini di stazza e calibro dei carri.

Nell’agosto del 1942 si registrarono molte vittorie dei tedeschi, a Kalach sul Don, i sovietici furono accerchiati in una manovra a tenaglia. Tuttavia l’armata russa era ancora sfuggente.

L’autunno del ’42 fu disastroso

A partire da settembre l’offensiva nazista si fece più lenta. A Stalingrado i russi mantenevano egregiamente una guerra da logoramento, si combatteva strada per strada. Fu a novembre che i russi videro una succulenta possibilità sul Don, dove erano schierate le truppe ungheresi, rumene e anche l’ottava armata italiana.

Terrapieno fiume Volga

La caratteristica sponda orientale del Volga che, con il suo terrapieno inclinato, offriva protezione alle truppe russe

Nell’esercito tedesco furono molti gli errori, come quello di Hitler a due passi da Leningrado nel 1941 (l’anno prima). In questa occasione, quando le truppe naziste erano alle porte della città, Hitler inviò l’ordine di deviare verso sud, verso Mosca. Il malcontento crebbe moltissimo, avevano perso praticamente Leningrado, con tutte le conseguenze del caso.

Fu a partire da quel disastroso autunno del 1942 che le cose non sarebbero più state le stesse per i nazisti. Era iniziata una guerra difensiva e di ritirata, che si sarebbe conclusa solo a Berlino nel 1945.

Il mito dell’invincibilità nazista si era disfatto! Adolf Hitler non faceva più così paura.


Aaronne Colagrossi

Un grazie di cuore a Nicola Giovannitti per aver fornito alcune foto e per alcune didascalie.

Fonti: National Geographic Italia Magazine (vari numeri) – Manuale di meteorologia – Inferno. Il mondo in guerra 1939-1945 (Hastings) -Storiologia.it – wikipedia.org

1588 – L’Invincibile Armata

Tra Spagna e Inghilterra non è mai corso buon sangue, mai come alla fine del XVI secolo. I rapporti tra Filippo II di Spagna (detto anche “Il Prudente”) ed Elisabetta I (detta anche “Regina Vergine”) erano ormai molto tesi in quel periodo, i rapporti peggiorarono a partire dal 1585.

La tensione era altissima

Uno dei motivi della tensione tra le due grandi potenze era di natura religiosa. Filippo era un cattolico convinto, Elisabetta era protestante e aveva già ricevuto la scomunica di Papa Pio V.

La goccia che fece traboccare il vaso fu però di natura economica. Elisabetta aveva concesso alla ricca borghesia inglese il diritto di assoldare pirati e mercenari vari per assalire e derubare le navi di nazionalità straniere, specialmente quelle spagnole e portoghesi. I corsari inglesi battevano continuamente le acque intorno all’Inghilterra, dominio degli spagnoli, che godevano di un periodo molto favorevole alla navigazione commerciale, così come i portoghesi.

L’Invincibile Armata salpa da Lisbona per invadere l’Inghilterra

Nel biennio 1585-1586, però, i corsari inglesi depredarono moltissime navi iberiche. Fu così che nel maggio 1588, Filippo II di Spagna radunò la sua Invincibile Armata, di denominazione reale Grande y Felicisima Armada.  130 navi, quasi 30.000 uomini e circa 2500 cannoni. Filippo voleva il trono inglese.

Un progetto ambizioso

Il progetto originario di Filippo di Spagna prevedeva 500 navi, le quali sarebbero salpate da Lisbona alla volta delle Fiandre, qui sarebbe stato imbarcato un potente esercito di coalizione, il quale avrebbe sbaragliato la tanto odiata Elisabetta. Tuttavia le frequenti incursioni del grande corsaro sir Francis Drake lungo la penisola iberica e nei Caraibi, non avevano permesso a Filippo la realizzazione del progetto.

Filippo aveva programmato l’attacco per il 1587, ma l’improvvisa morte del comandante della flotta fece rinviare la battaglia al maggio dell’anno successivo. Anche questo secondo tentativo fallì, a causa di una potente tempesta: la flotta spagnola dovette riparare in Galizia, a leccarsi le ferite.

Il 22 giugno, nel porto della Coruña, sulle coste atlantiche della Spagna, la flotta dell’Invincibile Armata salpò nuovamente per l’Inghilterra. L’intenzione era di invaderla.

Un quadro raffigurante la battaglia sulle coste del Devon

Passarono molti giorni di navigazione, nonché di analisi strategiche da parte dei comandanti iberici. Gli inglesi contavano 200 navi, ormeggiate a Plymouth, tra cui spiccavano tre vascelli da guerra degni di nota. Questi erano l’Ark Royal da 38 cannoni comandata da lord Effingham, la Revenge da 36 cannoni, comandata da Drake e la Victory da 44 cannoni, comandata dal pirata Hawkins.

Un primo scontro avvenne a fine luglio, quando la flotta di Spagna superò il Devon e si scontrò con gli inglesi. Differenze nella tattica spagnola di abbordaggio e in quella inglese fece capire agli spagnoli che le cose non sarebbero state così semplici. Le navi inglesi erano più agili e veloci. Inoltre i cannoni inglesi erano molto più efficienti di quelli spagnoli, sia come tempi di ricarica sia come precisione di tiro.

Le tattiche inglesi furono più rapide

Il 6 agosto l’Invincibile Armata di Spagna riuscì ad arrivare a Calais per caricare le truppe dell’esercito che avrebbe dovuto invadere il suolo inglese. A causa di ritardi e impedimenti dei bassi fondali, ciò non avvenne.

Gli inglesi lanciano i brulotti incendiari per disperdere le navi spagnole

Nella notte tra il 7 e l’8 agosto del 1588, la battaglia navale entrò nel vivo. Le navi incendiarie inglesi, i brulotti, dispersero gli spagnoli. Questi si resero conto che la situazione stava volgendo al peggio per la loro grande Armata, così i comandanti decisero di riparare nella Manica e rientrare in Spagna per riorganizzare l’attacco.

A causa dei venti contrari nella Manica la flotta di Spagna dovette circumnavigare l’Inghilterra e l’Irlanda.

Il nemico meteo era dietro l’angolo

L’Invincibile Armata spagnola fu colta da una tempesta potentissima sulla via del ritorno, in prossimità della Scozia, che durò cinque giorni e seminò le coste scozzesi di morte e sangue. Molte navi di Filippo furono scaraventate sulle coste rocciose e molte altre furono danneggiate.

Terminata la bufera, la flotta ripartì alla volta della Spagna. Alcuni giorni dopo, in Atlantico, la flotta fu colta da una seconda tempesta, che fece affondare molti vascelli, già pesantemente lesionati in Scozia.

L’Invincibile Armata circumnaviga le isole inglesi

Alla fine di settembre, dopo l’ennesima tempesta, quel che rimaneva dell’Invincibile Armata, raggiunse le coste spagnole, con un bilancio a dir poco catastrofico: metà dei 30.000 uomini non fece più ritorno a casa, sia per la battaglia contro gli inglesi sia per le due tempeste. Delle 130 navi solo 8 furono affondate dagli inglesi, 65 affondarono nel corso delle tempeste.

Quella che doveva essere una ritirata strategica si era trasformata in una sconfitta senza precedenti.

Aaronne Colagrossi

Per i miei romanzi sul mare visita www.colagrossiromanzi.it

Cristoforo Colombo e l’alleato “meteo”

Il tempo meteorologico è stato per il grande navigatore genovese un prezioso alleato. Tutti noi sappiamo che lo scopo di Colombo era quello di raggiungere le “Indie” navigando verso ovest, sfruttando la sfericità della Terra.

La perspicacia del navigatore italiano era davvero notevole, egli non poteva sapere, però, che in mezzo ci fosse il continente americano; senza questo le caravelle della spedizione spagnole sarebbero davvero potute giungere sino in Cina, attraversando idealmente il Pacifico (venti, cibo e malattie permettendo). Le stime della lunghezza del tragitto fatte da Colombo erano però inferiori rispetto alla reale distanza; comunque senza le Americhe tra “i piedi” le navi ce l’avrebbero potuta fare, considerando anche l’assenza di pirati e vari assaltatori di navi (che sarebbero arrivati nei decenni avvenire).

Un viaggio storico

La spedizione di Colombo partì da Palos, in Spagna, il 3 agosto 1492; le tre navi che la componevano erano la Niña, la Pinta e la Santa Maria. I vascelli fecero una prima tappa alle Canarie, un arcipelago spagnolo al largo delle coste nordafricane; l’arrivo a Gran Canaria avvenne l’11 agosto e la spedizione decise di rimanervi un mese, per fare le riparazioni necessarie prima della traversata.


La Niña, la Pinta e la Santa Maria.

Il 6 settembre le navi guidate da Colombo ripartirono e fecero una brevissima sosta all’isola della Gomera, per rifornirsi di acqua e viveri (la Pinta aveva subito un’avaria grave al timone). Dopo 36 giorni di desolazione sul grande oceano Atlantico, la spedizione raggiunse una piccola isola delle Bahamas, approdando nel Nuovo Mondo: era il 12 ottobre 1492 e la storia dell’umanità sarebbe cambiata radicalmente da quel momento in poi. Cristoforo Colombo battezzò l’isola “San Salvador”. Tutti i dettagli della spedizione in mare sono giunti a noi attraverso i diari dello stesso Colombo e dei piloti delle tre caravelle.

I diari di Colombo sono una fonte preziosa

La traversata non ebbe particolari note negative, anzi, fu abbastanza tranquilla: i venti non soffiarono mai troppo forte, il mare non fu mai troppo mosso e le correnti favorirono in larga parte la navigazione verso i settori occidentali.

Le linee rappresentano i quattro viaggi di Colombo.

Eppure è ormai ben noto che le rotte che dall’Europa portano in Nord America, nei mesi autunnali sono oggi, come anche allora, irte di pericoli: ogni anno una decina tra uragani e cicloni tropicali si formano al largo delle coste africane occidentali, per attraversare l’Atlantico centrale, acquisendo potenza, per arrivare lungo le coste americane dove portano morte e devastazione. Tutto ciò anche grazie ai potenti venti Alisei.

Le conseguenze di un uragano o di un ciclone tropicale sono sconvolgenti: onde di vari metri, venti di eccezionale forza e pioggia torrenziale. Insomma condizioni meteo marine davvero pericolose. Immaginate cosa sarebbe successo se Colombo avesse incontrato queste condizioni nella sua prima traversata, magari le cose non sarebbero andate come le conosciamo dai libri di storia.

Fortuna o saggezza?

Anche considerando il fatto che il numero medio di tempeste tropicali che ogni anno raggiungono i Caraibi sia aumentato negli ultimi secoli, si può affermare che la spedizione del navigatore genovese sia stata a dir poco fortunata. Ma si tratta solo di pura fortuna o Colombo era un abile marinaio, attento ai segni del tempo?

Alcuni “celebri” uragani che hanno devastato i Caraibi, da notare i mesi e i giorni.

Seguirono altre traversate da e verso l’Europa, tutte con esito positivo. Eccetto una: il quarto viaggio di ritorno. Nei pressi di Haiti gran parte della flotta spagnola fu distrutta da una tempesta tropicale. Stando a un compagno di viaggio di Colombo, questi consigliava di ritardare la partenza proprio per motivi meteorologici.

Esaminando la prima traversata di Colombo si intuiscono alcune sue abilità. Il genovese doveva infatti essere a conoscenza degli Alisei a latitudini medio basse, che lo avrebbero spinto verso ovest, e probabilmente sapeva che a latitudini medio alte i venti erano invece contrari, cosa che gli avrebbe garantito il ritorno. Gli Alisei spirano anche nella fascia delle Canarie; pianificare la partenza dalle Canarie è stata quindi una scelta ragionata, egli sapeva che non poteva prendere il largo direttamente dalle coste del Portogallo.

Colombo fu un grande comandante

Dopo la breve sosta all’isola di Gomera, le caravelle si mantennero tra i 25 e i 30 gradi di latitudine nord, lievemente al di sopra della zona dove (generalmente) si formano le tempeste tropicali. In sostanza il navigatore genovese aveva pianificato una rotta tangente all’anticiclone delle Azzorre, sul suo lato meridionale, dove gli Alisei sono più deboli, cosa che ha rallentato la spedizione, ma l’ha protetta da eventuali pericoli, tenendo le caravelle ben lontane da zone meteorologicamente a rischio.

Cristoforo Colombo.

Da moderne ricerche risulta che la rotta seguita da Colombo sia quella che consente di attraversare l’Atlantico con la più basa probabilità di incontrare uragani e tempeste. Sempre secondo queste recenti ricerche, la probabilità di incappare in una tempesta nel settembre-ottobre del 1492, lungo quella traiettoria era di circa l’1%.

Sembra che anche la lunga sosta alle Canarie, di quasi un mese, sia stata decisa da Colombo proprio per evitare gli uragani di fine agosto. Molti di questi aspetti sono confermati anche nel diario di bordo: durante la traversata il vento fu moderato, con frequenti bonacce e una sola giornata di vento forte. Sempre dai diari si evincono dati sul colore del mare, sulla presenza di uccelli marini e dal loro volo, dai banchi di pesci. Ogni giorno si effettuavano misure di velocità con il solcometro, una cordicella cui erano presenti dei nodi e un’asta di legno venivano lanciati in mare, e con una clessidra si misurava il tempo, da cui la velocità in nodi.

Colombo fu un attento osservatore

Certamente bisogna considerare una certa dose di fortuna nella spedizione di Cristoforo Colombo, è probabile che quell’anno l’anticiclone delle Azzorre protesse da tempeste tropicali più del solito quelle distese marine. Tuttavia dai dati in nostro possesso emerge che Cristoforo Colombo era un abile navigatore, un ottimo osservatore, un buon meteorologo e un comandante saggio. Se non avesse posseduto queste abilità non avrebbe raggiunto le coste del Nuovo Mondo.

Aaronne Colagrossi

Per i miei romanzi sul mare visita www.colagrossiromanzi.it

Nell’immagine di apertura Colombo raggiunge il Nuovo Mondo, le attuali Bahamas.

Quando la vita esplose

“Libera dalla schiavitù, la vita finalmente esplose”

 

Più di mezzo miliardo di anni fa la vita esplose. La biodiversità si fece largo sul pianeta come un bulldozer in una cava. Nel cambriano ebbero origine la maggior parte dei gruppi animali esistenti oggigiorno.

Da semplici microbi, le creature si evolsero in qualcosa di più grande (macroscopicamente) e più complesso (geneticamente). Tutto iniziò 570 milioni di anni fa; sono talmente tanti che forse persino il cervello umano ha difficoltà a contarli e a comprendere a fondo le miriadi di variazioni geologiche e paleontologiche che avvengono sul pianeta in questo lasso di tempo: mezzo miliardo di anni.

Incredibile!

Per tre miliardi di anni la Terra era stata popolata da organismi unicellulari e pluricellulari semplici; poi successe qualcosa, 700/800 milioni di anni fa il pianeta fu interessato da una serie di estese glaciazioni che portarono al fenomeno della Snowball Earth, ovvero la Terra a “Palla di Neve”. Dopo questo lunghissimo periodo freddo, circa 580 milioni di anni fa, queste glaciazioni terminarono; la fusione della gigantesca calotta di ghiaccio permise all’ossigeno di raggiungere una soglia critica tale da consentire lo sviluppo di organismi pluricellulari complessi.

La vita esplose.

Come ho scritto prima, le più antiche evidenze fossili risalgono a circa 570 milioni di anni fa. Tuttavia si tratta di datazioni per difetto sui registri fossili. Gli studi genetici sugli organismi viventi indicano che forme di vita complesse esistevano anche prima.

Snowball earth
Ricostruzione digitale della Snowball Earth.

Nel periodo geologico ediacarano avvenne la glaciazione di Gaskiers (molto breve, due milioni di anni circa, anche meno). L’ediacarano è ritenuto dai geologi un vero e proprio periodo misterioso. Molti organismi fossili sono conosciuti solo per l’impronta lasciata nei fanghi, o nelle ceneri vulcaniche; molti organismi dell’ediacarano non assomigliano nemmeno agli animali viventi oggi.

Sull’isola di Terranova, in America del nord, si trova un promontorio roccioso chiamato Mistaken Point (letteralmente Punto Sbagliato), a causa dei naufragi, infatti i capitani lo scambiavano per un altro punto, da cui il nome.

A Mistaken Point sono però emersi dettagli geologici e paleontologici davvero straordinari e meravigliosi. Il sito (non è l’unico dell’ediacarano) è studiato da decadi, eppure i paleontologi vi vedono chiaramente uno scenario nuovo e rivoluzionario.

Mistaken Point
Mistaken Point, sull’isola di Terranova.

Molti fossili scoperti a Mistaken Point non nuotavano, né strisciavano pur assomigliando, alcuni di loro, a scheletri di serpenti. Erano forme di vita diverse, la maggior parte delle persone ne ignora persino l’esistenza, per non parlare dei creazionisti (ma questa è un’altra storia). In quest’angolo flagellato dalle gelide onde oceaniche dell’Atlantico settentrionale è conservato questo antico fotogramma del pianeta, come una vecchia foto in bianco e nero, la scintilla della grande vita che sarebbe esplosa nei milioni di anni successivi.

Uno dei fossili dell’ediacarano di Mistaken Point.

“Qui, per la prima volta, la vita è diventata grande”. Dice il paleontologo Marc Laflamme, dell’Università di Toronto.

Per risolvere questo mistero bisogna però fare qualche passo indietro: nell’Australia del 1946, quando il geologo Reginald Sprigg scoprì degli strani fossili sulla collina di Ediacara (da cui il nome del periodo). Sprigg dapprincipio non sapeva che quei fossili risalissero a 550 milioni di anni fa, ovvero dieci milioni di anni prima dell’esplosione del cambriano.

Ci sono somiglianze con la fauna fossile dell’isola di Terranova: questi organismi erano molto simili tra loro, insomma erano connessi, in qualche maniera.

Australia Edicariano
Australia, strato guida dell’ediacarano marcato con un disco di bronzo.

I siti scoperti e attribuiti all’ediacarano sono 40 e sono sparsi in molteplici località del mondo, eccetto l’Antartide (solo perché coperto di ghiacci, ancora per poco tuttavia, stando al tasso di scioglimento dei ghiacci).

La domanda a questo punto è obbligatoria: che cosa, dopo miliardi di anni in cui il nostro pianeta fu popolato da soli microbi, consentì a questi organismi di diventare più grandi e di diffondersi in tutto il pianeta?

Prima che la fauna di Ediacara si diffondesse sulla Terra, l’evoluzione funzionava a scala perlopiù microscopica; ciò era dovuto anche alla carenza di ossigeno planetaria, che alimentava (e alimenta tuttora) il metabolismo animale.

Mar Bianco ediacarano
Mar Bianco, Russia. Uno dei 40 siti dell’ediacarano.

Nel 2016, sulla prestigiosa rivista Nature fu pubblicato un articolo che evidenziava come, nell’atmosfera terrestre, la percentuale di ossigeno richiedeva non meno di cento milioni di anni per incrementare dall’1% al 10%, innescando, così, l’esplosiva diffusione della vita.

Due miliardi di anni fa vi fu un primo incremento di ossigeno terrestre, grazie ai batteri marini che lo generavano con la fotosintesi. Tuttavia i livelli si mantennero bassi per un altro miliardo di anni. Tra i 717 e i 635 milioni di anni fa vi furono tre glaciazioni molto potenti che ricoprirono a intervalli l’intero pianeta (fenomeno Terra a Palla di Neve, come è conosciuto tra gli scienziati). Durante queste glaciazioni, i livelli di ossigeno aumentarono.

Australia, fossile dell'ediacarano.
Australia, fossile dell’ediacarano.

Queste tre glaciazioni (dalla più antica) furono la Sturtiana, la Marinoana e la Gaskiers. Durante la prima gli scienziati hanno scoperto che gli oceani era più ossigenati in superficie, ma non in profondità, dove si accumulò molto ferro. Durante la seconda glaciazione si nota la comparsa di invertebrati e un livello maggiore di ossigeno, ma è dopo l’ultima glaciazione che, con lo scioglimento dei ghiacci, in concomitanza di eruzioni vulcaniche, l’anidride carbonica fece da effetto serra, riscaldando l’atmosfera.

Fusione dei ghiacci, aumento dell’ossigeno ed evoluzione delle cellule più complesse consentirono agli organismi dell’ediacarano di prosperare?

Probabilmente.

Questi organismi avevano generalmente forme a fronda, un paleontologo tedesco li definì strutture biologiche a trapunta. La nutrizione doveva comunque essere un problema per queste creature, non essendo provviste di bocca, né di intestino, né di ano, né di testa e né di occhi.

Fauna edicariana
Ricostruzione digitale della fauna dell’ediacarano.

Molti di questi organismi presentavano una sorta di disco di ancoraggio, un rizoide che faceva presa sul fondo marino, permettendo a queste forme a fronda di muoversi nell’acqua, o fluttuare. Inoltre i fondali marini di mezzo miliardo di anni fa erano ricoperti di tappeti microbici. Tuttavia queste creature a fronda non erano piante, quindi non potevano sfruttare la fotosintesi, oltretutto vivevano a più di mille metri di profondità, dove non c’era luce (e tuttora non c’è).

Quindi come si nutrivano?

L’ipotesi più accreditata dagli scienziati è che questi organismi si nutrissero tramite osmotrofia, ovvero assorbivano le sostanze nutrienti dissolte nell’acqua tramite la superficie corporea. 

La fauna ediacarana si estinse circa 540 milioni di anni fa, all’inizio del Cambriano. Molti scienziati sono concordi sul fatto che si tratti di una sorta di esperimento evolutivo fallito di vita pluricellulare.

Perché?

Alcuni paleontologi canadesi hanno una loro teoria, in parte basata anche sui fossili rinvenuti in un sito ediacarano della Namibia. Sostanzialmente i vermi cominciarono ad avere strutture complesse che non li facevano limitare al solo strisciare sui fondali oceanici, come era sempre stato, ma potevano scavare i fanghi con lunghi tunnel, grazie all’evoluzione di una muscolatura complessa.

Namibia
Namibia. Sito geologico dell’ediacarano.

Inoltre ci furono cambiamenti anche nella chimica oceanica, gli scheletri dei fossili mostrano ricchezza di calcio. Questi fattori sembrano essere la chiave per questo mistero. L’ipotesi dei vermi e delle loro tracce sembra confermata soprattutto in un sito australiano, dove la roccia ricorda il formaggio svizzero, per come è tappezzata di tracce di vermi (icniti, in geologia).

“Lo sviluppo della muscolatura complessa in questi vermi segna l’inizio del Cambriano”. Dice il paleontologo australiano James Gehling.

In ultima analisi c’è un punto importantissimo, scoperto da un gruppo di paleontologi canadesi in Ontario. Costoro, sempre analizzando le icniti di molti siti, hanno individuato che questi vermi, oltre ad aver sviluppato una muscolatura atta a cambi di direzione nelle tre dimensioni, non tornavano in aree già battute dai vecchi tunnel: ciò indica capacità cerebrali superiori. Non cercavano il cibo a caso, girovagando senza meta, erano metodici! I ricercatori affermano che il cambriano corrisponde alla fase in cui il comportamento fu codificato nel genoma.

Cambriano
Ricostruzione di un mare del cambriano.

La fauna dell’ediacarano fu praticamente soppiantata da questi organismi più efficienti, che dettero la scintilla per l’esplosione della vita nel successivo mezzo miliardo di anni.

Qualcuno potrebbe chiedere: come si quantifica questa esplosione oggi?

Bene. Prendiamo la classe di animali dominante: gli artropodi. Questi sono composti dagli insetti, dagli aracnidi e dai crostacei. Al momento vi sono un milione duecentoquattordici mila e duecentonovantacinque specie di artropodi conosciuti. Sono davvero un esercito, rispetto a noi mammiferi.

ragno
I ragni fanno parte degli artropodi.

Gli artropodi hanno caratteristiche comuni tra di loro, come l’esoscheletro (ovvero esterno) resistente e il corpo segmentato in sezioni. Gamberi, insetti stecco, cavallette, granchi, stomatopodi, ragni, scorpioni ecc… E potrei continuare ancora, oltre un milione di specie, e probabilmente molte devono ancora essere scoperte.

Già nell’ordoviciano, circa 450 milioni di anni fa, gli artropodi erano ben diversificati, con la famigerate e stupende trilobiti (ormai estinte), che molti di voi avranno certamente visto. La proliferazione degli animali del cambriano si deve anche a un modo nuovo di alimentare il proprio corpo: nutrendosi di altri animali. I predatori sono il motore della vita, essi evolsero bocche per mangiare e le prede svilupparono esoscheletri più resistenti. Fu una vera e propria corsa agli armamenti quella che avvenne tra gli artropodi, e non solo.

trilobite
Trilobite del Marocco.

Il rapporto preda-predatore è sempre stato uno dei più forti motori evolutivi e macro-evolutivi in natura, come anche dimostrato dal prof. Douglas Emlen.

Gli artropodi non furono l’unica classe interessata all’esplosione della vita e dall’evoluzione negli ultimi 500 milioni di anni, anzi. Ecco un elenco con relativi numeri relativi alle specie moderne:

  • Cordati, comprendenti pesci, uccelli, rettili, mammiferi e anfibi. Attualmente si conoscono 68.045 specie.
  • Molluschi, 117.358 specie conosciute.
  • Cnidari, ovvero attinie, coralli e meduse. Attualmente si conoscono 10.303 specie.
  • Echinodermi, ovvero stelle marine e ricci di mare. Si conoscono 7.509 specie.
  • Poriferi, ovvero le spugne. 8716 specie
  • Platelminti. Vermi piatti. 29.285 specie.
  • Anellidi, ovvero i vermi metamerici. 17.210 specie conosciute.
  • Briozoi. 5.650 specie.
  • Nematodi. Sono i vermi cilindrici. 24.773 specie.

Poi ci sono altri Phylum (gruppo tassonomico) minori con poche specie.

Cordati
Esempi di cordati.

Tutto questo per capire come, da un punto di vista evolutivo, la vita nell’ultimo mezzo miliardo di anni è letteralmente esplosa, nonostante la Terra sia vecchia di quattro miliardi e mezzo di anni. I numeri come dicevo sono relativi alle specie moderne, quindi nel calderone andrebbero inseriti anche quelli relativi alle specie fossili, ormai estinte, di cui ovviamente di moltissime di loro non si ha proprio notizia della loro esistenza. Ciò è dovuto anche al processo di fossilizzazione, notevolmente complesso.

Ci sono specie che vivono sulla Terra da tento immemore, chissà se noi umani, comparsi solo in tempi recenti sul pianeta, riusciremo a sopravvivere…

Aaronne Colagrossi

 

Intervista per il sito vendereunlibro.com

Aaronne Colagrossi
Rodolfo Monacelli intervista Aaronne Colagrossi per il sito vendereunlibro.com

 

Ho conosciuto Aaronne qualche mese fa, dopo l’acquisto di un corso (realizzato insieme a Emanuele Properzi) su Facebook.

Ha sempre dimostrato grandissimo impegno (perché se non ti impegni tu a promuovere il tuo libro, non lo farà nessuno) e ha raggiunto grandi risultati.

Per questo ti voglio presentare la tua storia.

 

Chi è Aaronne Colagrossi e come mai hai iniziato a fare lo scrittore?

Sono un geologo con una grande passione per la natura in tutte le sue forme.

Sin da ragazzo ho sempre avuto un diario su cui lasciavo le mie impressioni quotidiane e i miei pensieri. Iniziai a scrivere quasi per caso: un caldo pomeriggio di luglio del 2009.

Quel pomeriggio scrissi alcune pagine del mio primo romanzo Megalodon il predatore perfetto. In pochi mesi completai la prima bozza e fu così che tutto iniziò. Da allora non mi sono più fermato e ho pubblicato sei libri, ora sto per pubblicarne un settimo e sto lavorando a un ottavo per il 2019.

Qual è l’argomento dei tuoi libri?

Nei quattro romanzi che ho scritto tratto principalmente il mare, sotto molteplici aspetti.

In Megalodon parlo di un gigantesco squalo preistorico, nella Trilogia della Pirateria narro le gesta di questi tre filibustieri del 1600.

Tuttavia mi piace sperimentare nuove argomentazioni e nuovi stili; infatti nel 2017 ho pubblicato due diari di viaggio, uno sulla Transilvania (attraversata in treno in inverno) e uno sul Botswana (una spedizione scientifica tra Okavango e Kalahari).

Sto per pubblicare un diario di viaggio subacqueo con descrizioni specialmente del mondo sottomarino e sto lavorando a un romanzo ambientato nella Seconda Guerra Mondiale. Inoltre ho in sospeso un racconto horror e ho in mente anche un romanzo thriller per il 2020. Insomma: amo saggiare più argomentazioni in questa mia passione per la scrittura, non mi piace chiudermi in uno stile o in un argomento unico.

Hai pubblicato i tuoi libri con un editore o col Self Publishing?

Il primo romanzo lo pubblicai con un editore di Verona, piuttosto grosso anche, con cui il libro di esordio (Megalodon) raggiunse le 1500 copie vendute in tutta Italia. Non ero soddisfatto della promozione, tuttavia, che facevo praticamente da solo. Quindi nel 2015 mi ripresi i diritti per una futura pubblicazione.

Nel 2016 sperimentai il Self Publishing su Amazon; sperimentare è la parola corretta perché testai letteralmente un romanzo sulla pirateria che avevo appena scritto (Capo Tiburon). Quando l’editing fu terminato caricai il file e i risultati furono immediati e positivi, mi sono trovato benissimo, difatti tutti i miei libri sono ora sulla piattaforma Amazon e i risultati sono più che ottimi.

Quello che voglio dire è che un testo, prima di pubblicarlo in Self Publishing, va comunque controllato e ricontrollato in tutti i suoi aspetti (grammatica, trama, ecc) prima dell’upload finale sulla piattaforma. Bisogna seguire un protocollo rigido, molto simile a quello di una casa editrice (per così dire). Io sono molto severo con i miei scritti, anche perché le recensioni arrivano presto e possono essere anche molto dure.

Perché hai scelto il Self Publishing?

I motivi sono tanti, ma quello principale è legato al sistema promozionale italiano. Questo ha delle enormi falle per le case editrici medie e piccole. A meno di pubblicare con il gruppo Mondadori (che tappezza tutto il territorio italiano con il nostro libro) nella stragrande maggioranza dei casi la propria opera finirà abbandonata da qualche parte.

Inoltre molte case editrici chiedono un contributo da parte dell’autore nella pubblicazione, cosa che io trovo disgustosa, a dir poco. La mia prima casa editrice non ha mai chiesto un soldo, ed è quello il modo di aiutare un neo autore a pubblicare, tuttavia dopo un anno il mio libro giaceva semi morente da qualche parte, difatti iniziai immediatamente a lavorare tramite i social network per la mia promozione personale.

Ci parli del tuo ultimo libro?

Il mio ultimo libro è Pirati Sotto Scacco. È un romanzo storico sulla pirateria ambientato nel 1664, nei Caraibi. Qui un gruppo di pirati cerca di strappare alcuni idoli d’oro dalle grinfie degli spagnoli.

Il libro è in parte basato su eventi realmente accaduti, in particolare lo sterminio del popolo dei Cueva da parte dei Conquistadores spagnoli nel 1520. Iniziai a scriverlo il giorno di Natale del 2016; dopo tre fasi di editing, nel marzo 2018, ho finalmente pubblicato il libro su Amazon, sia cartaceo sia e-book.

Che strumenti e modalità di promozione hai utilizzato?

Iniziai con Facebook nel 2012, aprendo una pagina autore (tuttora attiva con quasi 2500 likes) con cui mi promuovevo, caricando spezzoni del primo libro, ecc.

Nel 2016 aprii anche il mio sito (aaronnecolagrossi.com) dove, oltre alle schede complete dei libri che ho pubblicato, inserisco anche articoli storici e scientifici sulle argomentazioni più disparate, tratti dalle mie passioni.

Naturalmente la piattaforma Amazon permette di avere una pagina autore, dove le proprie opere sono presentate come se fosse un sito personale vero e proprio. Questo triangolo (Facebook, sito personale e Amazon) mi ha permesso di raggiungere migliaia di persone in tutta Italia.

Nel 2018 ho seguito anche un corso con Rodolfo Monacelli ed Emanuele Properzi dove ho acquisito innumerevoli strumenti atti a migliorare l’attività promozionale su Facebook e i social network in generale, la qual cosa è stata di vitale importanza, unita anche alle pubblicazioni che hanno raccolto un certo seguito, ovviamente.

Quali sono stati i tuoi risultati?

I risultati sono stati a dir poco ottimali. Inferno Blu Cobalto è uscito nell’agosto del 2017 e un anno dopo ha raggiunto le 2200 copie vendute in tutta ItaliaCapo Tiburon ha raggiunto e superato le 1000Pirati Sotto Scacco è uscito a marzo e ha già raggiunto le 500 copie in circa sei mesi.

Considerando che l’attività promozionale la faccio tutta da solo e che ho creato uno zoccolo di lettori che mi segue, non sono numeri cattivi. Naturalmente ogni testo deve piacere e bisogna porlo nella giusta maniera all’eventuale lettore; anche la copertina è importantissima, mi avvalgo di grafici in Italia, in USA e in Sudafrica.

Ci vuoi parlare dei tuoi prossimi progetti?

Sì certo, come ho detto ho vari progetti di scrittura che sto portando avanti. In particolare un romanzo sulla Seconda Guerra Mondiale abbastanza complesso, cui sto lavorando da due anni, specialmente per lo studio bibliografico, cosa che io seguo in maniera maniacale, anche per le precedenti opere sulla pirateria. Poi vi sono alcuni racconti, altri romanzi per il 2020, ecc. Non mi piace fermarmi e non intendo farlo, scrivere è un piacere immenso, terapeutico quasi.

Ti ringrazio per l’intervista Aaronne e alla prossima.

 

Contatti e Libri di Aaronne Colagrossi

 

Pagina Facebook

Sito Web

Pagina Autore Amazon

Chi è Rodolfo Monacelli?

Webmarketer e Blogger mi occupo di procurare visibilità e aumentare i profitti a scrittori e a piccole case editrici attraverso Internet. Fondatore nel 2015 di vendereunlibro.com. Seguimi e scopri come usare la comunicazione su Internet per vendere il tuo libro.

Presentazione Trilogia dei Pirati

Cari amici, ho realizzato questo nuovo montaggio del video della presentazione della Trilogia dei Pirati, con audio migliorato e diapositive in sovraimpressione, così che possiate seguirlo meglio, rispetto alla diretta che feci sulla mia pagina facebook. Per qualsiasi domanda lasciatemi un commento oppure scrivetemi in privato a info@aaronnecolagrossi.com.

Di seguito i link della trilogia ebook su amazon; per chi la volesse cartacea e scontata rispetto al prezzo amazon (con dedica), mi contatti sempre in privato a info@aaronnecolagrossi.com

Intervista per il Gruppo Facebook “Io Leggo Il Romanzo Storico”

Linda bertasi e alcuni membri del gruppo intervistano Aaronne Colagrossi in merito alla sua trilogia di romanzi storici sulla pirateria.

 

LINDA BERTASI: Partiamo dalla STORIA, da dove nasce questa tua passione?

Nasce dal fatto che ho sempre amato leggere e apprendere quanti più dati possibili sulla storia dell’uomo. Ma nella mia vita non amo solo la storia, c’è anche la passione per le scienze e il mare.

LINDA BERTASI: EDITING, a chi ti affidi?

Ho un editor che si occupa di ciò che scrivo, specialmente in campo nautico. Inoltre, per ogni libro che scrivo, organizzo un gruppo di lettura che analizza la storia a fondo.

LINDA BERTASI: RICERCA, fondamentale in uno storico. Quale iter segui?

Bibliografia anglosassone, principalmente, ma anche italiana. Per la trilogia sulla pirateria ho eseguito uno studio bibliografico durato quasi tre anni, sia da un punto di vista geopolitico sia nautico e delle sue tecniche.

LUCIA SCARPA: Buongiorno! Volevo chiedere: quanto contano i personaggi secondari nelle tue storie? La caratterizzazione dei personaggi rimane uguale all’idea originale o varia durante la scrittura? Grazie!

Contano tantissimo, e ne tengo grande considerazione. la caratterizzazione rimane pressoché simile. Nel caso di Inferno Blu Cobalto, una storia molto lunga (640 pagine per tre anni di eventi narrati), vi è una certa evoluzione nei personaggi, tutti.

GIANCARLA ERBA: Buongiorno Aaronne. Ascolti musica quando scrivi? Se sì, quale?

Assolutamente sì, sia colonne sonore sia rock-blues, come anche classica, amo moltissimo anche il Bolero di Ravel. Non riuscirei a scrivere senza musica, praticamente.

GIANCARLA ERBA: Qual è il casus belli che ti spinge a scrivere una storia?

Dipende. L’ultima storia sulla pirateria (Pirati Sotto Scacco) è nata mentre guardavo le immagini del museo di antropologia di Cartagena De Indias in Colombia. Un’altra nacque da un incubo e mi svegliai, scrivendo sul taccuino l’idea. Ho sempre un taccuino dove scrivo immediatamente tutto quello che mi passa per la testa.

GIANCARLA ERBA: Meglio romanzi o saggi?

Preferisco romanzi, mi piace creare e leggere nuovi mondi, per così dire.

GIANCARLA ERBA: Quando scrivi come ti organizzi? Sei metodico o aspetti di essere ispirato?

No sono metodico. Scrivo tutti i giorni, generalmente un capitolo al giorno e rileggo i precedenti per eventuali correzioni.

FLAVIA GUZZO: Buongiorno Aaronne, e complimenti per la tua produzione! Casa editrice o self-publishing, e perché?

Grazie Flavia. Il primo romanzo fu con una casa editrice media di Verona, Poi decisi di sperimentare Amazon con un racconto e mi trovai bene, così decisi per il self-publishing. 

ALESSANDRA LEONARDI: Ciao, qual è il tuo periodo storico preferito?

Il periodo tra il 1630 e il 1730, Indie Orientali e Occidentali, ma anche la guerra di Secessione Americana è tra i miei periodi preferiti.

PITTI DU CHAMP: Ciao Aaronne. Un periodo e un luogo del quale non scriveresti mai?

Non ce ne sono, in realtà qualsiasi periodo è un potenziale candidato per una mia storia.

PITTI DU CHAMP: Non ho ancora letto niente di tuo. Come si strutturano i tuoi libri? Hanno solo un’ambientazione storica o fatti storici realmente accaduti che fanno da colonna? E ci sono apparizioni di personaggi storici vissuti oppure son tutti di fantasia? Grazie.

Ho studiato varie tecniche per la strutturazione di un romanzo di azione e avventura. I miei modelli sono Clive Cussler, Michael Crichton e Wilbur Smith. Ma ho studiato anche quelle di Stephen King e della coppia Preston&Child. Nella trilogia sulla pirateria molti fatti citati sono realmente accaduti, come anche alcuni personaggi.

LINDA BERTASI: Parliamo del romanzo Inferno Blu Cobalto. Input, personaggi, ambientazione, tematiche e messaggio?

Volevo scrivere la storia di un uomo e delle sue vicissitudini per la salvezza, ecco come nacque questo romanzo, ma volevo fosse ambientato sul mare. I personaggi sono di fantasia, ma ci sono anche personaggi realmente esistiti e le vicende si basano in parte sulla storia di William Dampier. Il messaggio è la possibilità di cambiare in una persona, una cosa molto difficile da fare.

GIANCARLA ERBA: Autori che ti ispirano?

Joseph Conrad, Clive Cussler, Michael Crichton, Stephen King, Wilbur Smith, H.P. Lovecraft, E.A. Poe, Emilio Salgari, Preston&Child, Patrick O’Brian, Valerio Evangelisti, Peter Benchley e tanti altri.

GIANCARLA ERBA: C’è un libro che vorresti aver scritto?

Sì: Jurassic Park.

GIANCARLA ERBA: E uno che sei felice di NON aver scritto?

Oddio non mi viene.

GIANCARLA ERBA: Qual è il momento migliore per scrivere per te, di giorno o di notte?

In genere scrivo la mattina, o il pomeriggio, talvolta entrambi. Tuttavia ho notato che d’estate sono meno produttivo.

LINDA BERTASI: La tua passione per subacquea e squali sono mai stati fonte d’ispirazione?

Sì assolutamente, e  parecchio anche. Il primo romanzo è iniziato grazie alla mia passione per gli squali, se non l’avessi avuto, probabilmente non avrei mai iniziato a scrivere seriamente.

LINDA BERTASI: Pirateria, perché?

Ho sempre amato questo periodo storico, ma volevo conoscere a fondo anche le motivazioni che portarono a questa epopea, così feci un lungo studio bibliografico e iniziai a scrivere Inferno Blu Cobalto e Capo Tiburon.

LINDA BERTASI: Il tuo pensiero sul self-publishing?

Mi trovo benissimo, soprattutto con Amazon. Uso abitualmente tre piattaforme e devo dire che hanno sempre risolto i problemi che potevano presentarsi. Inoltre il sistema promozionale è davvero ottimo.

LINDA BERTASI: Il tuo rapporto con i social e l’auto promozione?

All’inizio non è stato facile, ma ora sto cercando (e riuscendo) di coltivare il mio pubblico creando un triangolo tra Amazon, Facebook e il mio sito WordPress. Si tratta di un lavoro continuo e costante, il pubblico non si crea in un giorno, nemmeno in un mese. La mia pagina autore FB è attiva dal 2012 con più di duemila iscritti.

LINDA BERTASI: Nei tuoi romanzi coniughi eros e storia?

Certamente, lo trovo molto reale e necessario. I personaggi apparirebbero piatti altrimenti.

GIANCARLA ERBA: Quanto ci metti della tua persona nei tuoi personaggi?

Diciamo che c’è un pezzo di me un po’ in tutti i personaggi.

GIANCARLA ERBA: Scriveresti un romanzo su commissione? Magari su un tema che non ti piace troppo?

Non saprei, in effetti forse avrei dei problemi, però mi piacerebbe provare.

GIANCARLA ERBA: A proposito: ci sono altri generi oltre lo storico-avventuroso che apprezzi e ai quali ti vorresti approcciare come scrittore?

Certo, ho scritto anche diari di viaggio e sto pianificando un thriller, quindi sì e spero di farlo anche presto.

LINDA BERTASI: Parlaci un po’ anche degli altri tuoi storici.

Dunque, i tre romanzi storici sono sulla pirateria, il primo è Capo Tiburon, basato su eventi reali avvenuti ad Haiti nel 1635, dove un gruppo di pirati, guidati da Pierre Le Grand, attaccò un galeone spagnolo. Il secondo è Inferno Blu Cobalto, l’odissea del comandante Knight e dei sui uomini su tre oceani per sfuggire alla perfidia inglese, ambientato nel 1666 e basato su eventi reali. Il terzo è Pirati Sotto Scacco, anche questo basato su eventi in parte reali, in particolare lo sterminio del popolo Cueva da parte dei Conquistadores.

PATRIZIA INES ROGGERO: Solo pirati o anche corsari? Questi ultimi ti affascinano in egual modo?

Sì, diciamo che mi affascinano le storie alla Patrick O’Brian per intenderci, poi in realtà le differenze tra i primi e i secondi erano solo le lettere di marca e, talvolta, titoli nobiliari che permettevano a nobili di armare navi per la guerra corsa in determinati periodi, un po’ come nel ciclo dei Courteney di Wilbur Smith.

LINDA BERTASI: Ruba un personaggio storico e inseriscilo in un tuo romanzo. Chi scegli?

Sir Francis Drake, spero di scrivere qualcosa su di lui in futuro.

LINDA BERTASI: Sali sulla macchina del tempo e scegli destinazione e epoca. Dove sei finito?

Sceglierei la Port Royal del 1660. Giamaica.

LINDA BERTASI: Cena con un autore del passato. Chi scegli?

Joseph Conrad, idolo supremo.

LINDA BERTASI: La difficoltà maggiore quando scrivi?

L’accuratezza storica, sono un maniaco dei dettagli e non mi piace tralasciare cose o fatti.

LINDA BERTASI: La scena più complicata da scrivere?

Le sequenze navali, soprattutto la precisione nelle manovre nautiche.

LINDA BERTASI: Il romanzo a cui sei più legato tra i tuoi?

Megalodon, il predatore perfetto.

LINDA BERTASI: Il romanzo storico in cui vorresti vivere?

Il corsaro nero.

LINDA BERTASI: Reportage. Pregi e difetti?

Bellissimi, ma sono per un pubblico più selezionato; in genere ho notato che chi legge reportage non ama molto i romanzi.

DAVIDE CARLINI: Buongiorno. Perdonate l’ignoranza, mi potete spiegare nel dettaglio cosa intendete per reportage?

Tecnicamente sarebbe un servizio giornalistico, però si può intendere anche una sorta di diario di viaggio corredato da foto e testi.

LINDA BERTASI: Il luogo tra quelli visitati, che porti nel cuore?

L’Africa, mi è rimasta davvero nel cuore.

SONIA MORGANTI: Quanto il tuo background culturale e professionale orienta il tuo approccio alla narrazione e alla ricerca? La forma mentis del geologo aiuta ad analizzare nella profondità i fatti e i personaggi?

Sui personaggi in parte, ma sugli aspetti geografici e le ambientazioni moltissimo, perché avendo nozioni su un po’ tutto il globo riesco a districarmi in parecchi ambiti, sia in terra sia in mare.

LINDA BERTASI: Perché scrivi?

Perché mi fa stare bene, lo trovo molto terapeutico quasi; è forse una delle cose più belle che ho scoperto.

LINDA BERTASI: Tre aggettivi per definire il libro Inferno Blu Cobalto?

Seducente, nobile, imponente.

LINDA BERTASI: Tre motivi per leggerlo?

Principalmente vi sarebbe la conoscenza storica di un periodo molto oscuro, sotto molti aspetti. Poi il libro ha visto un editing nautico, quindi gli appassionati di mare potranno trarne solo beneficio. Inoltre la storia narrata si districa in molteplici ambientazioni, molti lettori lo hanno trovato affascinante.

LINDA BERTASI: Progetti futuri?

Sto scrivendo il seguito di Inferno Blu Cobalto, ambientato nella seconda guerra mondiale e intitolato provvisoriamente Guerra Blu Cobalto, sostanzialmente un gruppo di archeologi prosegue sulle orme del comandante Knight, ma non voglio svelare altro. Poi in parallelo sto scrivendo un diario di viaggio subacqueo, intitolato provvisoriamente Avventure nel Mar Rosso, dove abbiamo fatto immersioni con gli squali, ma è stata una grande avventura subacquea sotto vari aspetti, volevo raccontarla.

GABRIEL WOLF: Ciao Aaronne, è un vero piacere per fare la tua conoscenza, anche io condivido l’amore per il mare, la biologia marina e le immersioni subacquee, nonché il fascino per quella magnifica e spaventosa creatura che è il C. megalodon, a questo punto vorrei chiederti se nei tuoi romanzi mantieni sempre e comunque un rigido rigore scientifico oppure ti piace indulgere anche a ipotesi più avventate e meno ortodosse, se questo può essere funzionale per la trama?

Il piacere è mio credimi. Diciamo che mi piace ancorare le storie a elementi reali, nel caso scientifico la faccenda si complica, tuttavia nel caso di Megalodon qualche licenza me la sono presa, senza esagerare però, come avvenne nel romanzo di Steve Alten. La nuova edizione di Megalodon sta riscuotendo già un certo successo.

GIUSY MARRONE: Buongiorno, hai degli interessi molto variegati, cosa molto importante per uno scrittore, secondo me. Quale genere letterario ti permette di più di approfondire le tue passioni?

Grazie Giusy, sì sono parecchio curioso. Mi piace approfondire molteplici aspetti, diciamo che il genere avventura stricto sensu è quello che mi piace di più, ma ce ne sono tanti. Amo anche i saggi tecnici su determinati argomenti, scientifici e storici, che mi permettono di approfondire i più disparati argomenti, dalle tecnologie sottomarine al meccanismo di sparo di uno Spencer del vecchio West.

LAURA CIALE’: In percentuale, quanto prevale il vero sulla fantasia nei tuoi libri?

Ciao Laura, diciamo 70% fittizio, 30% vero. Nel caso di Capo Tiburon, esso è basato interamente su un evento storico ben preciso, che ebbe luogo in una notte, quindi in quel caso 90% vero, 10% fittizio.

TIZIANA LIA: Ciao Aaronne, ho letto alcune tue risposte e la coniugazione eros e storia mi piace molto. Se dovessi abbandonare per una volta lo storico, che genere ti piacerebbe tentare? Grazie infinite.

Ciao Tiziana, sì sto programmando un libro su un serial killer in Italia e un poliziesco, quindi mi piace sperimentare vari generi, non mi piace chiudermi in una nicchia, d’altronde ho sperimentato anche il reportage di viaggio, con buoni risultati (non eccessivi) e un techno-thriller su una spedizione abissale (Megalodon). In più sto lavorando a una sceneggiatura horror, ma al momento il progetto è un po’ arenato per mancanza di tempo materiale.

DAVIDE CARLINI: Mi piacerebbe fare una domanda pratica al signor Colagrossi, ma anche il parere di qualche altro gentile appartenente al gruppo sarebbe gradito: ripercorrendo le rotte di corsari e pirati, quale sarebbe la destinazione più suggestiva, ricca di riferimenti, di testimonianze e di resti materiali in giro per il mondo?

I luoghi sono tantissimi, certamente per l’epopea della pirateria ci sono le Indie Occidentali, come Giamaica, Tortuga, Petit-Goave, Bahamas, Roatan, Saint kitts, Cartagena de Indias, South Carolina e tanti altri. Poi ci sono le indie Orientali, Madagascar, per esempio. Poi c’è tutta l’area del Mediterraneo e la costa nordafricana, sino alla Turchia.

DAVIDE CARLINI: Se non fosse sprofondata in mare, Port Royal sarebbe ancora un luogo carico di fascino e atmosfera? Ho fatto qualche ricerca sull’isola di Tortuga, ma sembra che le tracce rimaste siano quasi del tutto cancellate. Luogo quasi rimasto incontaminato ma molto difficile da approcciare immagino.

Verissimo, su Port Royal ti consiglio questo mio articolo (Clicca). Sulla Tortuga invece ti consiglio questo (Clicca).

MACRINA MIRTI: Ciao Aaronne, sono una vecchia signora, quindi ti do del tu. Hai parlato dei pirati nel Mediterraneo. Hai mai pensato a una storia alto-medioevale? Ho scoperto che in quel periodo i pirati saraceni hanno davvero sconvolto le coste dell’Italia, spingendosi anche a centinaia di chilometri verso l’interno.

Tutti e tre i romanzi sulla pirateria che ho scritto sono ambientati tra il 1635 e il 1670, l’epopea per eccellenza dei pirati, cui seguì poi l’era di Blackbeard e gli altri pirati. Questi sono i periodi storici che preferisco. Il periodo della guerra di corsa nel Mediterraneo, Genova e Venezia, lo amo parecchio e spero di scrivere qualcosa in futuro. Mi affascina anche il periodo greco-romano, anzi, spero di poter scrivere un romanzo di pirateria ambientato in quel periodo, d’altronde i Romani introdussero il termine corsaro.

Termine Intervista.

 

 

 

 

Intervista per il Gruppo Facebook “amici squali 2009-2018”

Carcharodon carcharias
 
 
Viviana Vale intervista Aaronne Colagrossi.
1- Da quanto tempo segui o ami gli squali?

Dal 1983, quando vidi per la prima volta il film Lo Squalo di Steven Spielberg. Avevo tre anni e rimasi terrorizzato. Tuttavia, crescendo, quella paura si trasformò in fascino e ammirazione per queste creature del mare. In seguito lessi anche il romanzo di Benchley. A nove anni mia zia mi regalò il libro Squali, della Rizzoli. Con quel libro mi innamorai definitivamente di questi magnifici predatori. Quando mi iscrissi a geologia, ebbi la fortuna di fare la tesi in stratigrafia e paleontologia degli squali. Nell’area di studio della mia regione, il Molise, era stato ritrovato un dente di Carcharocles megalodon, ora a Napoli. Scoprii altre sette specie di squali fossili nell’area, insieme ad alcuni pesci ossei. Consolidai definitivamente la mia passione per questi animali.

2 – Cosa ne pensi degli squali?

Sono animali magnifici, eleganti, regali quasi. Sono rimasti quasi immutati per quattrocento milioni di anni. Se aveste fatto un’immersione nei mari di quasi mezzo miliardo di anni fa, avreste certamente riconosciuto uno squalo. A parte alcuni dettagli, sono cambiati pochissimo. Tuttavia il nemico uomo è sempre presente. Ogni anno 70 milioni di squali vengono uccisi dalla pesca, compresa la orrenda piaga del depinnamento degli squali, rigettati vivi in mari in molti casi, solo per una zuppa di dubbio gusto.

Squalo pinna bianca oceanico, Carcharhinus longimanus. Egitto, Daedalus Reef.
3 – A parte la passione per gli squali, quella per i pirati come nasce?

Nasce dal fatto che sono sempre stato un amante del mare e di tutto quello che lo riguarda. Naturalmente in principio la mia passione per la pirateria nacque nella mia adolescenza, quando lessi i romanzi di Emilio Salgari e Robert L. Stevenson. In seguito decisi di approfondire l’argomento e feci quasi due anni di studi bibliografici, prima di scrivere la mia trilogia di romanzi sulla pirateria.

4 – Com’è nata la passione per lo scrivere?

Diciamo che ho sempre avuto un diario su cui scrivevo le mie impressioni, sin da ragazzo si può dire. Nel luglio del 2009 cominciai a fantasticare su una possibile storia ambientata in mare e con gli squali. In tre mesi scrissi la prima bozza di Megalodon il predatore perfetto. Il romanzo vide la luce nel 2012. Da allora non mi sono più fermato, ho pubblicato altri 3 romanzi sul mare e 2 diari di viaggio, uno sulla Romania e uno sul Botswana.

5 – Quando scrivi, a che tipo di lettore pensi?

Sinceramente non lo so. Penso più che altro al fatto che scrivendo, instauro un rapporto invisibile con un potenziale lettore nel futuro, quando il libro verrà pubblicato, quindi cerco di accompagnarlo nella mia storia.

6 – Come deve essere il tuo pubblico ideale?

Non ho un pubblico ideale, perché mi piace spaziare su più argomenti di scrittura. Quindi cerco sempre di pensare a un lettore potenziale e a come potrei accompagnarlo nel corso del libro, senza farlo perdere. È una tecnica che ho studiato da Stephen King, il quale critica alcuni suoi colleghi di non sapere far immedesimare il lettore nella storia, estraniandolo dalla stessa. Ecco, cerco di seguire i suoi consigli, naturalmente è molto difficile, perché bisogna scrivere un romanzo ma nel contempo mantenere una certa linea, come un binario.

7 – In che atmosfera ti piace scrivere i tuoi libri?

In genere in isolamento completo, anche di parecchie ore, o interi week end, unica richiesta: la musica. Mi piace ascoltare musica quando scrivo, dalla rock, alla classica, alle colonne sonore.

8 – A parte la fase di editing, rileggi i tuoi libri dopo la pubblicazione?

Certamente, non spesso, perché la storia è comunque vivida nella mia mente, però rileggo di frequente alcuni passaggi, che talvolta vorrei cambiare o memorizzare ancora meglio, soprattutto quelli ricchi di dettagli tecnici.

9 – Perché un lettore dovrebbe leggere i tuoi libri?

Penso che un lettore che ami il mare e l’avventura in generale ne possa trarre grande beneficio. Il libro Il Regno Degli Elefanti, per esempio, è un diario di viaggio della spedizione che ho fatto in Botswana, ma ha visto una fase di editing da parte dell’Università di Napoli, quindi le nozioni scientifiche sono estremamente accurate. In Megalodon il predatore perfetto, ho inserito le maggiori scoperte scientifiche riguardanti il grande squalo preistorico. Sono tutti dati accurati scientificamente. Anche la trilogia sulla pirateria è accurata in senso storico, ci sono persino personaggi realmente esistiti. Un potenziale lettore potrebbe trarne solo beneficio.

AARONNE COLAGROSSI LIBRO ELEFANTI
Il Regno Degli Elefanti (2017), diario di viaggio sul Botswana.
10 – Quale tra i tuoi libri è il tuo preferito?

Tecnicamente Megalodon il predatore perfetto, anche se li amo tutti, perché sono frutto di tantissimo lavoro. Inferno Blu Cobalto ha visto, tra scrittura, editing e pubblicazione, quasi tre anni di lavoro. Non un mese, si parla di anni, quindi si crea quasi un rapporto viscerale con il manoscritto, in generale.

11 – Cosa sognavi di fare da bambino?

L’esploratore degli oceani e delle terre emerse, un misto tra geologo, Indiana Jones e Matt Hooper de Lo Squalo. Volevo studiare anche gli squali, in parte ci sono riuscito grazie alla geologia e alla mia passione per le scienze. Tuttavia non sono uno zoologo nel senso stretto del termine; non ti nascondo, però, che sto pensando di prendermi anche la laurea in Scienze Naturali in futuro e fare una tesi sul grande squalo bianco in Australia o Sudafrica, o sui Carcharhinus longimanus del Mar Rosso; entrambe queste specie le ho incontrate in immersione (Sudafrica ed Egitto) e me ne sono innamorato. Ma per il momento è ancora un sogno nel cassetto.

Grande squalo bianco, Carcharodon carcharias. Sudafrica.
12 – Il tuo lavoro e le tue passioni spesso ti portano a stare via da casa, senti la mancanza della tua terra, il Molise?

Solo in parte. Dipende dal periodo. In questo periodo no, per esempio. Amo molto la mia terra, ma purtroppo offre molto poco.

13 – Stai lavorando a nuovi progetti? Magari un seguito di Megalodon il predatore perfetto, che io adoro, e che tra l’altro a luglio vedrà la nuova edizione sia e-book sia cartacea, è corretto?

Sì sto lavorando a due progetti in questo periodo. Il primo è un romanzo storico sulla Seconda Guerra Mondiale, ed è il seguito di Inferno Blu Cobalto. La storia vede impegnati due archeologi americani nella scoperta delle tombe dei pirati del primo libro. Tutto ciò avviene mentre i tedeschi e i giapponesi sono sul piede di guerra. Infatti il titolo provvisorio del libro è: Guerra Blu Cobalto, per richiamare gli eventi del primo libro. Il secondo libro che sto scrivendo è il diario di viaggio della crociera sub cui ho preso parte nel settembre del 2017 in Mar Rosso, tra Egitto e Arabia. Abbiamo visitato il regno dello squalo martello e del già citato longimanus. Ma è stata una vera avventura subacquea: delfini, tartarughe, miliardi di pesci, relitti, barriere coralline, altre specie di squali, barracuda enormi, tonni. Insomma: un safari della subacquea. La risposta è sì: ho scritto già un incipit del seguito di Megalodon il predatore perfetto. La nuova edizione è finalmente pronta e disponibile, con nuova copertina, sia cartacea sia e-Book su Amazon, in futuro comincerò a dedicarmi al seguito del gigantesco squalo preistorico.

Un grazie di cuore a Viviana Vale per il tempo che mi ha dedicato.